1 febbraio 2014

Ti aspettavo - J. Lynn {recensione}

Buon fine settimana divoratori!
Essendo il primo febbraio, ci sarebbero tanti post da scrivere, ma oggi voglio optare per questa recensione.
Il libro mi è piaciuto davvero tante e devo assolutamente parlarvene ❤

Titolo: Ti aspettavo
Autori: J. Lynn\Jennifer Armentrout
Anno : 2014
Prezzo: 16,40€
Editore: Nord


L’università è la sua via di fuga. Per troppi anni, dopo quella maledetta festa di Halloween, l’esistenza di Avery Morgansten è stata un incubo, e adesso lei può finalmente ricominciare da capo. Tutto ciò che deve fare è arrivare puntuale alle lezioni, mantenere un profilo basso e – magari – riuscire a stringere qualche nuova amicizia. Quello che deve assolutamente evitare, invece, è attirare l’attenzione dell’unico ragazzo che potrebbe mandare in frantumi il suo futuro… 
Cameron Hamilton è il sogno proibito delle studentesse del campus: fisico atletico e ammalianti occhi azzurri, è il classico ribelle dal quale una brava ragazza come Avery dovrebbe tenersi alla larga. Eppure Cam pare proprio spuntare ovunque, col suo atteggiamento disincantato, le simpatiche punzecchiature e quel sorriso irresistibile. E Avery non può ignorare il fatto che, ogni volta che sono insieme, il resto del mondo scompare e lei sente risvegliarsi quella parte di sé che pensava di aver perduto per sempre. 

Però, quando inizia a ricevere delle e-mail minacciose e delle strane telefonate notturne, Avery si rende conto che il passato non vuole lasciarla andare. Prima o poi la verità verrà galla e, per superare anche quella prova, lei avrà bisogno d’aiuto. Ma la relazione con Cam sarà la colonna che la sorreggerà o lo «sbaglio» che la trascinerà a fondo?
Inizialmente questo libro non mi incuriosiva per niente. La trama sembrava la solita storiella, anzi, a dir la verità, mi sembrava molto simile al libro Uno splendido disastro di cui me ne vergogno ancora . Perciò avevo deciso di lasciar perde, non mi andava proprio di iniziarlo e poi, se non mi fosse piaciuto, impiegare settimane per finirlo. Questo fino a quando il mio cervellino non scopre che J. Lynn è lo pseudonimo di Jennifer Armentrout, e avendo amato Obsidian, non c'erano più scuse: dovevo leggerlo. E così ho fatto.
Mai scelta più saggia.

Capelli ramati e un bracciale per nascondere il suo passato, Avery si trasferisce nel West Virginia per ricominciare da capo la sua vita. Il caso vuole che mentre va a lezione di astronomia si scontra con Cam, bello e sexy da morire, che deciderà di non lasciarla in pace un secondo. Da qui inizierà una simpatica e dolce amicizia che si trasformerà in amore ma che dovrà superare tanti ostacoli.

Vado subito al sodo. Ho amato alla follia questo libro.
La trama come potete leggere non è originale, ma come ben sapete, è lo stile di scrittura che rende speciale un libro. E su questo non ho dubbi, Jennifer Armentrout è fottutamente brava. 
Ma andiamo in ordine. Cosa rende speciale questo romanzo? I personaggi.
Li ho amati tutti alla follia, da principali a quelli più banali. 
Avery. Ammetto che non mi è stata subito simpatica, non mi era sembrata così speciale. Ma pagina dopo pagina l'ho conosciuta e ho iniziato a provare una grande stima per lei. Dopo quello che le è successo anni prima, Avery non si fida facilmente della gente e il ricordo è sempre lì, vivido e pronto a ricordarle che può essere ferita dalla gente che ama nuovamente. Nel corso del libro il suo personaggio si evolve e la vediamo acquistare una sicurezza che prima non c'era. Tutto questo grazie a Cameron Hamilton.
Ladies and Gentlemen, sto per presentarvi la mia nuova cotta letteraria. Vi consiglio di munirvi di bavaglio, non vorrei che sbavaste sulla tastiera del pc.

"Era senza camicia. E, da quel che potevo vedere da là, aveva un gran bel petto. Un sacco di muscoli. E un tatuaggio. Sul lato destro del torace splendeva un sole, i cui raggi giravano intorno alla spalla in accese sfumature di rosso e arancio. - Avery Morgansten, ci incontriamo di nuovo. Era l'ultima persona che volessi vedere. Ero la ragazza più sfigata del mondo. - Cameron Hamilton...ciao. Si sporse dal finestrino, posando un braccio sul volate. Precisazione: aveva anche dei bei bicipidi. - Dobbiamo smetterla di vederci così. Verissimo. Dovevo smettere di fissargli i bicipidi..e il petto..e il tatuaggio. Non avevo mai pensato che il sole potesse essere così..sexy. Wow. Era imbarazzante." 
Cameron, per gli amici Cam, non è soltanto il ragazzo più bello, sexy, intelligente -e chi più ne ha più ne metta - del liceo, e anche dannatamente dolce e divertente. In poche parole, perfetto e inesistente diamine. Attenzione: non è il ragazzo stronzo, tutt'altro! 
Ogni volta che c'era Cam, la risata era assicurata. E' mostruosamente sicuro di sé e con le sue battute mi ha fatto ridere fino alle lacrime.

" - Non devi essere nervosa. Sono felice di essere qui con te, Avery. Non devi preoccuparti di fare buona impressione o di piacermi. Lo hai già fatto.- E' che..Scossi la testa ignorando il nodo in gola. Lo fissai. - Sei così..Non lo so. Sai sempre cosa dire a..- A..?Mi ravviai i capelli e lasciai ricadere la mano in grembo. Mi tremava. - Dici sempre la cosa giusta.- E' perché sono..- Fantastico. Questo lo so.Si appoggiò allo schienale. - Non intendevo questo, ma sono contenta che tu ti sia accorta di quanto sia meraviglioso."

E poi chi non vorrebbe un ragazzo che ogni domenica si autoinvita a casa tua per preparati la colazione?
" - Tu sei un enigma, Avery Morgansten.
Mi appoggiai al bancone e, sbalordita, lo guardai mangiare mezza pagnotta in un sol boccone. - Non direi proprio, semmai lo sei tu.
- In che senso?
Lo additai. - Hai appena finito quattro uova sode, stai mangiano mezza pagnotta e hai degli addominali che sembrano usciti dalla pubblicità di una palestra.
Sembrò felicissimo di quel complimento. - Mi hai squadrato ben bene, eh, tra un insulto cocente e l'altro? mi sento un uomo-oggetto."

D'altronde Cam ha una tartaruga che si chiama Raffaelo no, non la sua. Ditemi voi se non è d'amare un ragazzo che possiede una tartaruga che chiama come una delle Tartarughe Ninja e come se non bastasse ha provato anche a mettergli il guinzaglio ahahahah. Adesso potrei scrivere un romanzo su Raffaelo, ma la recensione sarebbe chilometrica! 
Chiudendo il discorso Cam - di cui vorrei continuare a parlare -, come dicevo poc'anzi, anche i personaggi secondari sono ben delineati e interessanti e leggerei con piacere i seguiti in cui la Armentrout parla di loro. Sarebbe la prima volta per me, perché solitamente gli amici dei protagonisti non riescono a colpirmi come  hanno fatto quelli di Avary e Cam.

Unica cosa che mi ha dato un po' di fastidio nel romanzo è il continuo ripetere di Avary "quella notte di Halloween" "dopo quello che mi è successo alla festa" e cose del genere. Fa capire che è successo qualcosa quella notte, qualcosa che le ha cambiato la vita, ma non ti dice di più fino alla fine del romanzo. E' come se ti dicesse troppo, ma in realtà non ti sta dicendo l'essenziale.
Del resto è stata davvero una bella lettura. Sono rimasta ancora una volta contenta di questa autrice, che entra a far parte dei miei preferiti. Il suo stile mi piace molto e come ho detto prima, ha la capacità di rendere brillante una storia che potrebbe essere banale.

Ero insicura se dare quattro e mezzo o cinque gattocorni arcobaleno, ma alla fine ho scelto cinque, non vedo motivo per la quale dovrei togliere mezzo punto.

La With you saga è composta da 
  • Wait for you - Ti aspettavo
  • Trust in me - dal punto di vista di Cam e che non vedo l'ora di leggere.
  • Be with me - racconta di Teresa, sorella di Cam.
  • Stay with me - in uscita a settembre, credo che parli di Brittany (l'amica di Avery). Non ho trovato trame su internet.
Allora, che ve ne pare? L'avete letto?
Spero di avervi incuriosito :3 Se volete potete leggere l'incipit del libro nel post della rubrica Chi ben comincia di questa settimana ^^
Adesso sono curiosa di sapere che pensate del libro, se vi ispira o no..
Buona (non tanto, visto che diluvia -.-) serata!



9 commenti:

  1. Io l'ho letto in lingua originale e me ne sono follemente innamorata, Cam è uno spettacolo ! Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che sia piaciuto anche a te *O*

      Elimina
  2. Adoro la Armentrout, riesce a rendere anche la storia più banale meravigliosa grazie al suo modo di scrivere!Devo assolutamente leggere anche questo suo libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo! Be' se lo leggi sono curiosa di leggere la tua recensione **

      Elimina
  3. Risposte
    1. Come no?? ç_ç peccato, è davvero un bel libro!
      Devi leggere qualcosa della Armentrout, sono sicura che cambierai idea!

      Elimina
  4. *_*..noooo allora devo asssolutissimamente leggerlo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!*_*

    RispondiElimina
  5. Oh Giu, non posso leggere la recensione perché devo ancora iniziarlo e ho paura di rovinarmi tutto. Cmq il tuo voto mi fa ben sperare *_____*

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.