31.3.16

New English Releases #3 Marzo

Eccoci ad un nuovo appuntamento con la rubrica New English Releases! Non so perché ogni volta riesco a pubblicare questa rubrica a fine mese, nonostante inizi a prepararla settimane prime >_>. Come sempre ho inserito soltanto titolo e alcune parole chiavi, altrimenti il post sarebbe infinito (e io non finirei più di tradurre trame..). Fatemi sapere se qualche libro vi ispira e la vostra cover preferita *-*

224287072549434325776221

The Great Hunt (Eurona Duology #1) | high fantasy, young adult, retelling (The Singing Bone dei Grimm, ma non ho idea a quale libro corrisponda ^^"), magia
Lady Midnight\Signora della mezzanotte (The dark artificies #1) | urban fantasy, paranormal, young adult
Rebel of the sands\Il deserto in fiamme (Rebel of the sands #1)| High fantasy, young adult, magia

232720282589779225734207

A study in Charlotte | young adult, mistery, retelling (Sherlock Holmes), romance
Into the dim | viaggi nel tempo, young adult, fantasy, avventura, historical fiction
The Last Days of magic | fantasy, historical fiction, magia, mitologia, fate

256594482206220220443235

The Lyre Thief  (War of Gods #1) | fantasy, science fiction
Marked in Flesh (The others #4) | urban fantasy, vampiri, lupi mannari, mutaforma, paranormal romance
The winner's kiss (The winner's trilogy #3) | High fantasy, distopia, young adult

257811572367731618602406

The nest | narrativa contemporanea, romance
Burning Glass | high fantasy, magia, young adult, distopia
War (Dorothy Must Die #3) | fantasy, young adult, retelling (Il mago di Oz), magia, distopia, streghe

232031062403942424724627

Wink Poppy Midnight | young adult, mystery, fantasy, realismo magico (?)
This is where the world ends | narrativa contemporanea, young adult, romance
The First time she drowned | young adult, narrativa contemporanea, malattie mentali

177319271792814722586973

Summerlost | narrativa per ragazzi, science-fiction,
Walk the Edge  (Thunder Road #2)  | new adult, romance
Siren's Song (The storm Siren's Trilogy #3) | fantasy, young adult


29.3.16

Eng Reading Experiences #2 The forbidden wish di Jessica Khoury

Hello, readers! Passato delle buone feste?
Oggi ritorna English (che da ora abbrevierò in Eng) Reading Experiences, la rubrica dedicata alle mie letture in lingua che ho creato lo scorso anno, ma che ho pubblicato soltanto una volta *sorry, ma le mie letture in inglese sono state piuttosto povere*. Ad ogni modo spero di essere più costante d'ora in poi! Mi sto rimboccando le maniche per recuperare qualche libro in inglese per ampliare la mia conoscenza della lingua :3 fatemi sapere cosa ne pensate 

21396155
THE FORBIDDEN WISH,  
 di Jessica Khory
Anno: 2016 | 352 pagine | Autoconclusivo

Trama (tradotta da me alla bell'e meglio, come sempre):
Lei è il genio più potete di tutti. Lui è un ragazzo della strada. Il loro amore scuoterà il mondo.
Quando Aladdin scopre la lampada del genio Zahra, Zahra viene riportata in un mondo che non vedeva da centinaia di anni.. un mondo dove la magia è proibita e l'esistenza di Zahra è illegale. Deve mascherarsi per sopravvivere, usando un'antica magia mutaforme, fino a che il suo nuovo padrone non sceglierà i suoi tre desideri. Ma quando il re dei geni offre a Zahra la possibilità di liberarsi della sua lampada per sempre, coglie l'opportunità...solo per scoprire che si sta innamorando di Aladdin. Quando salvare se stessa significa tradirlo, Zahra dovrà scegliere una volta per tutte: e se vincere la sua libertà significa perdere il suo cuore? Quando il tempo si stringe e i suoi nemici si fanno vicino, Zahra si ritroverà sospesa tra il pericolo e il desiderio in questa rivisitazione di Alladin dell'acclamata autrice Jessica Jhoury.

The Forbidden Wish è un retelling di Aladdin e, nonostante credo di non aver mai visto il cartone Disney *non me ne vogliate* e conosca in linee molto generali la storia *si nasconde dai pomodori* devo ammettere che l'ho trovato una rivisitazione ben fatta, soprattutto originale. E' una storia bellissima, con un intreccio pazzesco, da lasciare a bocca aperta. Innanzitutto la protagonista è il genio della lampada, un jinn, Zahra, un personaggio che ho a dir poco adorato. La storia è raccontata dal suo punto di vista, una scelta molto saggia perché Zahra, in quanto mutaforma, riesce a dare una visione completa della storia. Tra l'altro l'ho trovato un personaggio fantastico. L'autrice riesce a trasmettere il senso di solitudine che l'ha pervasa per centinaia di anni intrappolata nella lampada, l'emozione di quando finalmente viene tirata fuori e non è più sola. Da un certo punto di vista mi ha ricordato Juliette di Shatter me\Schegge di me, anche se sostanzialmente sono due personaggi differenti. Mi è piaciuto tanto anche il suo rapporto con Aladdin, protagonista maschile che ho a dir poco amato. Un personaggio adorabile, specialmente quando non cerca di nascondere la sua natura da ladruncolo. La ship Zahra-Aladdin mi è partita sin da subito e a fine lettura posso ammettere che sono entrati a far parte delle mie coppie preferite . Da non sottovalutare i personaggi secondari, come la principessa Caspida e le sue Watchmaidens (non so quale termine italiano vi corrisponda, ma sono una sorta di guardie della principessa) e perfino Roshana, una regina ormai defunta ma che conosciamo molto bene grazie ai ricordi di Zahra legati a lei. Tra l'altro tutto l'intreccio della storia è ben fatto, da restare a bocca aperta, così come il world-building. Avevo paura di restare delusa in quanto autoconclusivo, invece no, sono rimasta piuttosto soddisfatta. Non ci sono situazioni lasciate in sospeso, fatto che ho apprezzato molto. 

Per quanto riguarda lo stile dell'autrice, non l'ho trovato molto complicato. Diciamo che ho avuto maggiori difficoltà nelle descrizioni (infatti dopo il primo capito pensavo di abbandonarlo, meno male che non l'ho fatto) però per quanto riguarda il resto l'ho letto una meraviglia. 

Insomma, è stata una lettura bellissima! Spero tanto che venga tradotto anche in Italia c:

25.3.16

Uscite di marzo (parte #2)

Buon pomeriggio lettori! Oggi volevo postare una recensione, ma mi sono accorta che non avevo ancora pubblicato la seconda parte con le novità del mese (e marzo è quasi finito....). Fatemi sapere quale uscita vi interessa di più! Io, personalmente, punto Resta con me fino all'ultima canzone, Wolf e Kantestrasse bar c:


RESTA CON ME FINO ALL'ULTIMA CANZONE
di Leila Sales 
2952230215777621
Farsi degli amici non è mai stato facile per Elise. Per tutta la vita è stata ignorata, offesa, ferita, il bersaglio preferito di scherzi di ogni tipo. Dopo aver fallito l'ennesimo tentativo di diventare popolare, Elise è pronta ad arrendersi. È sicura che per lei la musica non cambierà mai. Ma una sera, si imbatte per caso nello Start, un locale underground che suona la musica più bella che Elise abbia mai sentito. E proprio qui, nel posto più stravagante del mondo, in mezzo al più stravagante gruppo di persone che si possa immaginare, finalmente Elise trova quello che ha sempre cercato: la musica giusta, gli amici giusti e forse anche il ragazzo giusto.

LOST WORLDS. MONDI PERDUTI
di Andrew Lane 
2951241417210544
Calum Challenger, sedici anni, ha perso l’uso delle gambe nell’incidente che ha ucciso i suoi genitori. Appassionato di scienze e informatica, trascorre le giornate nel suo appartamento londinese setacciando Internet alla ricerca di notizie sui criptidi, creature leggendarie o considerate estinte. È convinto che il loro dna possa racchiudere la chiave per sconfiggere alcune rarissime malattie e, forse, ridargli la possibilità di camminare. Quando sulle montagne del Caucaso viene avvistata una creatura simile a uno yeti, chiamata Almasty, Calum si attiva immediatamente. Grazie a una squadra di amici che si offrono di partire al posto suo – e che lui può seguire a distanza tramite un super-computer – si mette sulle tracce della creatura misteriosa, deciso a raccogliere un campione del suo dna per studiarlo e proteggerlo. Ma non ha fatto i conti con la Nemor Incorporated, una potente multinazionale che opera nell’ombra e vuole impossessarsi dei segreti dell’Almasty per scopi molto meno nobili. ,Inizia così una rocambolesca missione in un territorio pieno di insidie, dove niente e nessuno è come sembra… 

WOLF
di Ryan Graudin
(Esce il 5 aprile, scusate l'errore)
2951247724807186
È il 1956 e l’alleanza tra le armate naziste del Terzo Reich e l’impero giapponese governa gran parte del mondo. Ogni anno, per celebrare la Grande Vittoria, le forze al potere organizzano il Tour dell’Asse, una spericolata e avvincente corsa motociclistica che attraversa i continenti collegando le due capitali, Germania e Tokyo. Il premio in palio? Un incontro con il supersorvegliato Führer, al Ballo del Vincitore. Yael, una ragazza sopravvissuta al campo di concentramento, ha visto troppa sofferenza per rimanere ancora ferma a guardare, e i cinque
lupi tatuati sulla sua pelle le ricordano ogni giorno le persone che ha amato e che le sono state strappate via. Ora la Resistenza le ha dato un’occasione unica: vincere la gara, avvicinare Hitler… e ucciderlo davanti a milioni di spettatori. Una missione apparentemente impossibile che solo Yael può portare a termine. Perché, grazie ai crudeli esperimenti a cui è stata sottoposta, è in grado di assumere le sembianze di chiunque voglia. Anche quelle di Adele Wolfe, la Vincitrice dell’anno precedente. Le cose però si complicano quando alla gara si uniscono Felix, il sospettoso gemello di Adele, e Luka, un avversario dal fascino irresistibile…


KANTSTRASSE BAR
di Maria Milani

Matilde, anziana zia tedesca, muore in circostanze misteriose e lascia in eredità il suo bar e la sua abitazione di Berlino alle sue uniche nipoti italiane, le gemelle Giada e Miriam. Le ragazze partono per Berlino per riscuotere l'eredità, ma qualcosa va storto. Quando Miriam sparisce nel nulla, Giada si mette ad indagare sul passato di Matilde e scoprirà un segreto sconvolgente sulla sua famiglia. Giada riuscirà a ritrovare sua sorella? E chi è quel misterioso acquirente del Kantstrasse Bar con quel volto glaciale eppure così stranamente familiare?

29616958
IO SONO KURT
di Paolo Restuccia

«Abbiamo vent’anni solo per ricordarli quando ne avremo quaranta».

Andrea Brighi, detto Kurt, in viaggio verso la Svizzera per un trasporto illegale di valuta, devia improvvisamente per Trieste in seguito all’incontro fortuito (e forse immaginario) con Stefano Zanchi, alias Diavolo Biondo, suo ex amico nonché datore di lavoro a Radio Punto Nord, più di vent’anni prima. Tornano a galla così i ricordi di un tempo in cui i due uomini passavano le giornate insieme, scambiandosi emozioni, spesso forti e all’insegna della trasgressione, progetti per il futuro, ragazze. Tra tutte, Anna, un amore mai completamente dimenticato, di cui ora riaffiorano i dettagli, le parole e il rimpianto per una storia finita troppo presto. Nella misteriosa e decadente pensione Ghega dove alloggia il protagonista, il passato tornerà a disturbare la quotidianità di Kurt, ex dj in fuga, fornendogli una chiave di lettura inedita per ripensare agli avvenimenti della giovinezza, sulla colonna sonora della musica dagli anni Novanta a oggi. Annoiato e quasi disilluso, l’uomo sarà capace di riscoprire se stesso dopo una vera e propria discesa agli inferi, tra personaggi bizzarri e spesso pericolosi, ragazze seducenti e strani figuri, in una storia trascinante di sesso, ricatti e debiti non priva di nostalgia per un periodo ormai lontano.

A un certo punto, chiunque dorma è destinato a svegliarsi. Così succede a me, anche se ho la spalla che mi brucia, oltre alle tempie che pulsano e l’orecchio che ronza. Nella stanza 001 non c’è più nessuno. «Si sono spaventati e sono andati via», mi dice Kurt. Basta un errore perché tutto vada nella direzione sbagliata. Un errore come quello che ho fatto io vent’anni fa. 



29589457IL SESTO GIORNO
di Rosanna Rubino

«Un bimbo nato nel letame, da grande può solo diventare imperatore».

Milano. Ronnie ha trentacinque anni, origini nigerine e fisico da atleta. Arrivato in Italia poco più che bambino, orfano, su un barcone partito da Tripoli, incarna il prototipo del self made man. Schivo e solitario, ha costruito un impero dal nulla conquistandosi una fortuna che gli analisti stimano in due miliardi di dollari, nonché la reputazione di magnate, dedito esclusivamente ai propri affari. È il fondatore di Talentik, piattaforma Web di audio sharing, uno dei siti più visitati al mondo dopo Facebook, Google, YouTube e Yahoo.
Tra sei giorni, Talentik verrà quotato in borsa e questo segnerà un momento storico per l’imprenditoria italiana, facendo di Ronnie uno degli uomini più ricchi del pianeta. Un segreto però si nasconde dietro la sorprendente parabola del protagonista, che rischia così di vedere messe a repentaglio la propria carriera e la vita stessa.
Mentre il governo annaspa, la recessione incombe e la “protesta dei porcelli” infuria nelle strade, il mistero legato al passato di Ronnie verrà alla luce grazie all’intervento di Ragazzo, un aspirante giornalista in cui l’uomo si imbatte all’inizio del libro e a cui, come per un’intuizione, deciderà di affidare la propria incredibile storia.

«La prima cosa da fare, se vuoi capirci qualcosa di un uomo, è scoprire che bambino è stato», disse Ronnie. «Conosci i segreti del bambino e avrai l’adulto in pugno».



SETTE STANZE
di Paola Ferrero

La vita di Anton Eastman è giunta a un punto critico. Senza preavviso lascia tutto e si rifugia nella casa in cui è cresciuto, in Italia. Sua madre è morta da anni, mentre lui era occupato a fare carriera lontano da casa e ora si trova in un appartamento semi-vuoto, solo con se stesso e i suoi cinquantatre anni di finzioni. La sua casa, come la sua anima, è piena di fantasmi. Comincia quindi dalla casa, una stanza per volta, a ricostruire un qualcosa che sia suo davvero anche se inseguito da ricordi e incombenze che lo legano alla vecchia vita. Durante questo percorso incontra una giovane cameriera che arriva da fuori città. Giselle, questo il suo nome, diventa col tempo un appiglio per Anton che ancora non ha un equilibrio stabile. Sono due “stranieri” in una città del sud che non dimentica e non smette mai di osservare, sono simili e al contempo molto differenti. Anton arrabbiato e sofferente, Giselle più rassegnata e spaventata. Ognuno dei due con i suoi fantasmi e con dei conti da chiudere con il proprio passato.


IL RITORNO DEL GOLEM
di Giuliano Conconi

Petr Belak si trasferisce a Praga, per frequentare l'Università. Stabilitosi presso il quartiere ebraico, in una palazzina adibita a studentato, il giovane entra in contatto con Saul Leser, gioviale rappresentate della comunità semita, David Schmelke, losco allievo della scuola rabbinica e Tomas Kubala, allegro coinquilino. 
I primi giorni trascorrono tra feste e visite della città, ma la spensieratezza è di breve durata: due efferati omicidi sconvolgono lo studentato. Nonostante le indagini della polizia si concentrino altrove, Petr sospetta di David Schmelke.
Perché il sinistro individuo di giorno rimane rinchiuso nella sua stanza e di notte si reca di nascosto alla Sinagoga? Quali verità cela l'antico cimitero ebraico? Tra leggende vecchie di secoli e segreti legati alla Cabala, il protagonista si muove sullo sfondo di una Praga occulta e dalle atmosfere gotiche, in un viaggio di sola andata verso il Male.


AVVENTO #2 - I GUARDIANI
di Debora Spatola

In questo secondo episodio della saga di Avvento, di Debora Spatola, Lua dovrà finalmente decidere da che parte stare. Se sceglierà il Bene, i Guardiani della Luce – i Nephilim – la proteggeranno a costo della propria vita; se sceglierà il Male, un ruolo di importanza epica e giorni gloriosi saranno sul suo cammino. La Matrice, intanto, l'unica arma che può mettere definitivamente fine a quella assurda guerra, sembra scomparsa. Tanto gli angeli quanto i demoni sono sulle sue tracce. Fra sacrifici e tradimenti, Lua dovrà presto decidere anche quali sono i suoi reali sentimenti: di chi è veramente innamorata? 


23.3.16

Recensione: Albion 2 - Ombre, Bianca Marconero

Buon sera, lettori. Finalmente torno con una nuova recensione! Nei giorni passati non mi sono sentita particolarmente ispirata, per questo ne rimando la pubblicazione da giorni. Giuro che ho scritto questa recensione almeno cinque volte, ogni volta cancellando e riscrivendo in maniera diversa le stesse cose. Nemmeno questa volta sono molto soddisfatta del risultato, però i libri da recensire iniziano ad accumularsi e dovevo necessariamente iniziare a sbarrare i titoli dalla lista Y.Y

Titolo: Albion - Ombre
Serie: Albion #2
Autore: Bianca Marconero
Editore: Limited Edition Books
Anno: 2015
Marco Cinquedraghi e i suoi amici hanno scoperto di essere portatori di una peculiarità genetica che si fonda nella leggenda. Sono le nuove incarnazioni di Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda. Ma qual è il prezzo del loro privilegio. A cosa si deve rinunciare per guadagnarsi un destino già scritto? Marco preferisce non chiederselo. Saranno gli errori commessi e le bugie a trascinarlo in una spirale che lo obbligherà ad aprire gli occhi, mentre anche l'eredità di mago Merlino si risveglia e reclama il proprio tributo. Tra amicizie che si incrinano, amori condannati per le colpe del passato, l'ombra di una fata leggendaria e un'indagine su una morte sospetta che sembra portare a una tragica verità, i ragazzi dell'Albion College proseguono il loro cammino per diventare grandi. Ma capire cos'è la vera grandezza comporta un sacrificio che ognuno di loro dovrà affrontare da solo, per salvarsi. 
Sarò breve e diretta perché ho come l'impressione che se mi metto a riflettere un attimo di troppo su quello che scrivo sarò di nuovo al punto di partenza e rimanderò almeno di un altro mese questa recensione. Ho adorato Ombre. Avevate ragione, è di un livello superiore rispetto al primo volume e i motivi sono piuttosto evidenti. Albion è un volume introduttivo, dove l'autrice presenta la storia e i suoi personaggi, mentre Ombre si sviluppa in maniera graduale, dando spazio ai personaggi e allo loro eredità, non mettendo da parte il fulcro della storia come era successo nel primo volume. 

Adorato in Albion, se possibile questa volta ho amato ancora di più Marco. In questo volume è messo a dura prova più di una volta ed è proprio grazie a queste sfide che a fine lettura ci ritroviamo un Marco più adulto, maturo. E' stato una sofferenza vederlo soffrire ed ogni volta sarei voluta entrare nel libro e abbracciarlo forte, povero cucciolo. Anche la perfezione di Lance è stata messa a dura prova dagli eventi e, cavolo, quanto mi è piaciuto finalmente conoscere chi si nasconde sotto l'armatura dorata di Lance Chevalier. Come ho potuto pensare che Lance fosse troppo perfetto? *shame on me* Mi è piaciuto vedere delle crepe nella sua corazza di perfezione, cosa che mi ha fatto innamorare di questo personaggio! Il rapporto tra Lance e Marco è uno dei più belli nel libro! Personalmente tifo per loro, altro che Helena e Marco Y.Y non che Helena non mi piaccia anzi, da Albion a Ombre ha fatto passi da gigante, però non è esattamente il mio personaggio preferito! Tutt'altra cosa invece Deacon, Erek e Samira. Piaciuti tantissimo anche loro e ci tengo ad aprire una piccolissima parentesi su Samira, dato che ho letto Diario di un'assassina un paio di mesi fa e non ho avuto occasione di recensirlo (e mi sa che non lo farò). Tra i personaggi femminili è in assoluto il mio preferito e in questo volume l'ho letteralmente adorata! Sicuramente lei ed Erek sono l'unica vera ship di questo libro ♥. 

Che altro dire? Ancora una volta mi sono divertita con i ragazzi e non vedo l'ora di avere il terzo volume nelle mie mani! Nel frattempo mi leggo gli extra :D

LA SERIE ALBION
Libri del primo anno:
  • Albion - Preludi (Albion #0.5)
  • Albion (Albion #1)
  • Albion - Diario di un'assassina (#1.5)
  • Albion - Ombre (Albion #2)
  • Albion - Il principe spezzato (Albion #2.5)
Libri della cerca:
  • Albion - Eredità (Albion #3)
  • Albion - L'ultimo cavaliere (Albion #4)
  • Albion - Re in eterno (Albion #5)
Come sempre, attendo i vostri pareri ♥

21.3.16

Ops.. I did it again! Nuova grafica + post random

Ok, l'ho fatto di nuovo. Ho creato una nuova grafica I regret nothing. Quella precedente mi piaceva tantissimo, ma boh, l'accademia sta tirando fuori la parte più creativa di me e così ho partorito questo template. Sono particolarmente orgogliosa di questa grafica per due motivi: (a) l'ho realizzata tutta io, nel senso che ho fatto anche l'header e la scritta (no, non è una font) con le miei manine+illustrator (amore incondizionato per questo programma ♥ come ho fatto a vivere senza di lui per tutto questo tempo?), (b) perché è la grafica che ho sempre voluto: semplice e con un header che mi rappresenti. Insomma, sono tanto orgogliosa del risultato e della nuova mascotte del blog *salutate il panda*.  Spero piaccia tanto anche a voi ♥

Il secondo motivo di questo post.
Ultimamente sono stata un po' assente, tranne per pubblicare qualche post di sfuggita e lasciare un paio di commenti. Il motivo è sempre lo stesso: mi sento molto creativa e mi sto dando da fare con i programmi di grafica e nel frattempo leggo (e le recensioni si accumulano). Ad ogni modo mi piacerebbe sfruttare la mia creatività (se così si può chiamare, ahah) per fare del bene per la comunità cioè realizzare delle grafiche su richiesta (ok, era brutta xD). Come sapete frequento il corso Design Grafico all'accademia di belle arti e successivamente mi piacerebbe lavorare nel mondo del web design, perciò perché non mettermi già alla prova da adesso? Ho già aperto un negozio (etsy), però vorrei realizzare anche grafiche più complesse. E' vero che ci sono tante persone che realizzano grafiche meravigliose e be', se vi piacerebbe che realizzassi qualcosa per voi, non esitate a contattarmi ♥. Ovviamente essendo una principiante non vi chiederei delle somme esorbitanti, ma giusto qualcosa per ricambiare il tempo impiegato, tipo un libro dalla mia wishlist, un buono libri, il rossetto nero che sto cercando e v e r y w h e r e , o qualsiasi altra cosa vogliate. Insomma, se avete bisogno sapete dove trovarmi.

Ultimo, ma non meno importante, questo è il 602esimo post pubblicato sul blog, evviva le cazzate che scrivo.

Buona serata ♥

20.3.16

Blogtour "Die love rise" Tappa #4 Intervista all'autrice Rosa Campanile

Buongiorno lettori!! Oggi il blog ospita la quarta tappa del blogtour dedicato al libro di Rosa CampanileDie Love Rise. Ho avuto il piacere di intervistare Rosa, ma prima di passare all'intervista vi lascio le altre tappe [cover, trama ed estratto (Le parole segrete), personaggio&dreamcast (La tana di una booklover), recensioni (Libri d'incanto & Pagine Magiche) e  playlist (The Paradise of Books)] e tutte le informazioni sul libro.

Titolo: Die Love Rise
Autore: Rosa Campanile
Genere: Romance / Sci-Fi / Post Apocalittico
Pagine: 254
Prezzo: € 1,99 
Compra qui: Amazon | Kobo Store | GooglePlay | iBooks | Mondadori | Feltrinelli
Self-publishing 

In un futuro non molto lontano, la popolazione umana è stata decimata dal virus AD7E0-i che ha trasformato gli uomini in mutanti affamati di carne e sangue. Per i pochi fortunati scampati al contagio iniziale, il mondo è diventato un luogo pericoloso in cui sopravvivere a stento. 
Lo sa bene Sophie Warden, che negli ultimi due anni ha fatto tutto ciò che era necessario per proteggere se stessa e sua sorella Leery. La voce che a Leons Town ci sia un Centro di Soccorso e Raccolta ancora operativo rappresenta la loro ultima chance di trovare un rifugio sicuro diverso dalla strada. Nonostante le perplessità che si tratti solo di una diceria, Sophie e Leery, in compagnia di un esiguo gruppo di sopravvissuti, raggiungono la struttura. Ma le cose non andranno come pianificate e la minaccia dei mutanti si rivelerà più letale e insidiosa di prima.
Clive Hudson non è più l'uomo di un tempo. Dopo aver perso coloro che amava, Clive ha deciso di allontanare tutto e tutti, scegliendo la morte come unica compagnia. Se per dispensarla agli infetti o per trovarla lui stesso, non fa più alcuna differenza per la sua anima tormentata da un doloroso passato. L'incontro con Sophie, però, smuoverà qualcosa nel profondo del suo essere.
Due anime simili, entrambe a un solo passo dalla condanna eterna o da un’insperata salvezza. Perché non tutto il buono del mondo è andato perduto. Forse, nonostante il dolore e la morte, si può ancora amare ed essere amati. Anche al tempo dell'invasione mutante.


17.3.16

Libri che devo assolutamente avere (anteprime di aprile #1)

Devo ancora pubblicare alcune anteprime di marzo, ma appena ho ricevuto la mail della De Agostini ho mandato tutto a quel paese e ho deciso di pubblicare questo post. Sono troppo felice per attendere oltre, perciò vi presento due delle uscite più interessanti del mese di aprile che non vedo l'ora di avere nelle mie mani *w*

Una sfida come te
di Katie McGarry
De Agostini, 26 Aprile 2016

Ottimi voti, stile impeccabile e una carriera di successo: ecco cosa si aspettano tutti da Rachel Young. Specialmente la sua numerosa e assillante famiglia. Ma nessuno sospetta che dietro quella maschera di perfezione si nasconda una ragazza fragile con una lista interminabile di segreti. Segreti inconfessabili come la passione per la velocità e le auto da corsa. O come Isaiah, il bad boy dai penetranti occhi grigi che una notte la aiuta a sfuggire alla polizia. Isaiah rimane subito affascinato dal sorriso dolce e innocente di Rachel, ma l’ultima cosa di cui ha bisogno è rimanere invischiato nei problemi di una ragazza come lei. Quando però una minaccia incombe prepotente sulle loro vite, Isaiah e Rachel sono costretti a collaborare e a partecipare insieme alle corse automobilistiche. Solo così scopriranno quanto in là sono disposti a spingersi per salvare ciò che resta del loro futuro, e del loro cuore. L’acclamata Katie McGarry torna a raccontarci una nuova e appassionante storia d’amore e di riscatto. Con tutta la maestria di cui solo una grande autrice è capace.


La battaglia dei pugnali
di Marie Lu
Newton Compton, 14 Aprile 2016

Un'epidemia ha cambiato il mondo e anche i poteri di alcuni uomini

Adelina Amouteru è una sopravvissuta
Dieci anni fa il suo Paese è stato colpito da un’epidemia. Sono morti quasi tutti, e i pochi bambini rimasti in vita sono stati marchiati per sempre dalla malattia. I bei capelli corvini di Adelina sono diventati color argento, le sue ciglia bianche, e una brutta cicatrice le copre ora l’occhio sinistro. Il suo crudele padre la considera un’appestata, una maledizione per la casata degli Amouteru. Ma i sopravvissuti hanno acquisito anche straordinari poteri magici, per questo la popolazione li chiama “Young Elite”.
Teren Santoro è a servizio del re, dirige l’Inquisizione dell’Asse: il suo compito è scovare i sopravvissuti della Young Elite e annientarli. Lui li considera malvagi, eppure è lo stesso Teren a nascondere grandi ombre nel suo cuore.
Enzo Valenciano fa parte della Società della Spada, un gruppo segreto all’interno della Young Elite, nato con il compito di combattere l’Inquisizione. Ma quando incontrerà Adelina, scoprirà che la ragazza possiede poteri che mai nessuno ha avuto prima e cercherà di convincerla a combattere al suo fianco.


Non potete capire da quanto tempo stia aspettando l'uscita di questi due libri. NON. POTETE. CAPIRE. Attendo Una sfida come te da quando finii di leggere Oltre i limiti,  uno dei pochi new adult che io abbia adorato. Isaiah è un personaggio secondario che mi ha colpito molto ed attendevo con ansia la sua storia. Avevo sentito dei rumors sull'uscita, ma si parlava di estate 2016 e tra l'altro non c'era nulla di ufficiale, perciò appena ho ricevuto la mail dalla De Agostini ho fatto i salti di gioia! La battaglia dei pugnale è invece la traduzione di The Young Elite, libro che ho adocchiato dall'uscita in lingua. Ne ho parlato in diverse occasioni sul blog, scrivendo a destra e a sinistra quanto mi ispirasse e adesso non riesco a credere che a breve sarà nelle mie manine *w*.
Non vedo l'ora che sia aprile *w*

E voi? Vi ispirano? C'è qualche libro che attendete con ansia?

15.3.16

What's on my bedside table? #8

Eccezionalmente di martedì vi propongo la rubrica What's on my bedside table? ideata da Valy Sparkle from books. Ieri ho ospitato una tappa del blogtour perciò ho saltato l'appuntamento, ma il libro che sto leggendo momentaneamente è troppo interessante per non parlarne.
What's on my bedside table?

No, ma guardate la copertina. Che meraviglia! Avrei voluto prenderlo in cartaceo, ma preferisco leggere i libri in lingua nel formato ebook perché è più comodo, soprattutto quando si tratta di cercare termini sul vocabolario. Ho letto, quanto? Cinque capitoli? E mi sta già piacendo tanto. Si tratta di un retelling di Aladdin, ma la protagonista - la voce narrante - è il genio della lampada.  Ho avuto difficoltà nel primo capitolo sia perché ero un po' arrugginita con l'inglese sia per le descrizioni un po' complesse. Dopo averlo terminato ero indecisa se continuarlo o meno perché ho avuto paura di non capirci nulla e di non godermi la lettura. Ad ogni modo mi sono lanciata perché mi sentivo pronta ad affrontare una lettura in lingua e meno male!
Adesso non sto avendo difficoltà e la lettura ha preso un buon ritmo. I personaggi mi piacciono molto, sia il genio della lampada Zahra sia il ladro Aladdin. Quest'ultimo potrebbe diventare anche uno dei miei book-boyfriends perché è troppo puccioso. L'ambientazione è molto interessante, infatti si tratta di un mondo dove la presenza dei geni un tempo ero normale, mentre adesso è proibita. Insomma, una storia molto interessante. Non vedo l'ora di continuare la lettura e di parlarvene in un appuntamento di English Readins Experiences (finalmente xD).

Che ne dite? Vi ispira? Cosa state leggendo? c:

14.3.16

Blogtour "Il manoscritto scarlatto".
Tappa #2: I personaggi

Buongiorno lettori! Oggi ho il piacere di ospitare la seconda tappa del blogtour dedicato al libro Il manoscritto scarlatto dell'autrice italiana Cristina Benedetti. Se vi siete persi la prima tappa, vi rimando al blog Coffee&Books dove potete leggere la trama del libro e trovare altre informazioni utili sul libro c:


Nella mia tappa l'autrice vi presenterà i personaggi di questa storia paranormal romance\horror e a fine post avrete la possibilità di vincere tre copie ebook del libro!!

I PERSONAGGI

FIAMMA è una medium, dentro di lei è racchiuso il freddo potere degli spiriti. Grazie alla nonna che l'ha cresciuta con amore, scopre dentro di lei l'antica magia delle streghe. Forte e piena di vita, ha lunghi capelli rossi e occhi azzurro verde. Dopo un lungo percorso approda nella Congrega di Verona, qui il suo dono è di vitale importanza. Circondata da magia e mistero, aiutata dal suo Spirito Guida e immersa in una realtà che supera ogni sua immaginazione, Fiamma dovrà vincere le sue paure e affrontare molti ostacoli per trovare la strada giusta da percorrere, anche per il suo cuore.

"Un vento forte iniziò a soffiare tra le fronde degli alberi, la luna sparì dietro una nuvola e fu buio totale, una civetta cantò e l’energia dei morti salì fredda dal terreno, mi accarezzò le gambe e poi percorse il mio corpo con desiderio, rabbrividii e sorrisi ad un tempo; Ecate aveva ascoltato la mia preghiera."

ALEXANDER è l'Alfa di un numeroso branco di licantropi. Bello e arrogante, nasconde in realtà un animo buono e giusto. Solitario e diffidente, vive immerso nella natura. Alto, forte, con capelli castani ondulati e occhi verde dorato, rimane subito affascinato da Fiamma. Lo spirito del lupo vive dentro di lui e il suo dono gli permette di trasformarsi in un enorme lupo bianco. Per aiutare la congrega mette a repentaglio tutto anche se stesso.

"Emanava un profumo magnifico: muschio, corteccia, sole, terra; sembrava sapere di bosco, di selvaggio."

FURIO è un vampiro millenario, guerriero potente e la guardia personale del suo capo famiglia. Nel corso degli anni ha combattuto numerose guerre ed ora si trova a dover affrontare una battaglia nel mondo dell'occulto. Inviato come messaggero conoscerà Fiamma e Viola e diventerà loro alleato e amico. Misterioso e affascinante, lunghi capelli neri e occhi scuri e profondi. Il suo aiuto e quello della sua famiglia sarà di fondamentale importanza per la riuscita della missione.

“Datemi del tu, così non mi sentirò tanto vecchio!”

MICHELANGELO, miglior amico di Alexander, è il suo vice all'interno del branco. Capelli corti e neri, occhi scuri, si trasforma in un lupo dal mantello buio come la notte. Gentile e protettivo, corretto e altruista, ha la passione per le moto. Sarà un alleato prezioso nella battaglia che sta calando su Verona.

“La nostra vita non è una passeggiata ma merita di essere vissuta.”
Respirai a pieni polmoni il profumo di bosco che emanava, ero felice di aver trovato un nuovo amico.  

VIOLA è una strega erborista, ama la natura, le piante e le erbe. Membro della congrega passa le sue giornate in un giardino incantato di cui è la custode. Il suo animo fresco fa subito breccia nel cuore di Fiamma diventando così amiche. Mora con lunghi capelli mossi e occhi a mandorla color del miele è misteriosa e determinata. Nel suo animo nasconde un grande peso, una tragedia che l'ha sconvolta. Unite, Viola e Fiamma, dovranno superare le loro paure più profonde e sconfiggere il male che incombe.

“Piacere di conoscerti Fiamma, il mio nome è Viola. Da ora in poi saremo compagne di avventura!”
Allora, che ne pensate di questi licantropi, vampiri e streghe? Abbiamo una vasta scelta di creature sovrannaturali! Per maggiori informazioni vi rimando al SITO dell'autrice. E adesso passiamo al giveaway!

REGOLE :
  • Seguire l'autrice su Facebook o Twitter (+2)
  • Iscriversi ai blog che partecipano al blog Tour (+3)
  • Lascia la tua mail per contattarti in caso di vittoria (+1)
Facoltativo :
  • Commenta le tappe (+2)
  • Condividi ed eventualmente tagga un amico magico! (+1)
  • Metti mi piace alle pagine Facebook dei blog (+1)



E, per terminare, il brano dedicato a questa tappa! 
Bella, vero? Cosa ne pensate? c:

13.3.16

Recensione "Perfect. La perfezione di un attimo" di Alison G. Bailey

Buona domenica lettori!! Finalmente un attimo di pausa. Che settimana impegnativa! Mi sarebbe piaciuto programmare qualche post ieri, ma non ci sono riuscita. Spero di trovare del tempo per scrivervi in settimana, anche se ne dubito D': Adesso vi lascio la recensione di Perfect, libro uscito di recente con la De Agostini che ringrazio per avermi dato la possibilità di leggerlo. Attendo il vostro commento (:

Titolo: Perfect. La perfezione di un attimo
Autore: Alison G. Bailey
Editore: De Agostini
Anno: 2016

Può la vera felicità durare più di un attimo?
È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l’amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all’illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre.
Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e… amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare.
Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera.
Uno straordinario fenomeno del web, bestseller di Amazon. Commovente come Colpa delle stelle, sexy come After.

*il libro in questione mi è stato inviato dalla casa editrice in cambio di un'onesta opinione
Recensione
Per quanto i romance young adult non mi facciano impazzire, ho un debole per le storie di migliori amici che scoprono di provare qualcosa di più di una semplice amicizia. Per questo ho accettato di leggere Perfect, non aspettandomi comunque il capolavoro del secolo. Dopo aver letto due capitoli ho pensato chi me lo ha fatto fare? Ho avuto paura che fosse una bimbominchiata (passatemi il termine) pazzesca e che lo avrei odiato a morte. A fine lettura il mio parere oscilla tra è esattamente una bimbominchiata enorme e tra uhmm.

Dopo i primi capitoli che mi hanno fatto storcere il naso (soprattutto per il fatto che Noah, protagonista maschile, a quattordici anni fosse già tutto muscoli e addominali.............*inserire una serie infinita di puntini*), ho divorato la prima parte che ho trovato coinvolgente e carina. Dopo, purtroppo, la situazione degenera, soprattutto nella parte centrale. Amanda, la protagonista, è un personaggio immaturo, per non dire totalmente cretino. Non vuole stare con il suo migliore amico perché ha paura di rovinare tutto e perderlo (che poi sta cosa mica l'ho capita bene.) e, ok, la si compatisce perché ha paura, ma per quale motivo rifiutarlo per altre duecento pagine per la paura di rovinare tutto quando HAI GIA' ROVINATO TUTTO? Vi giuro che le duecento infinite pagine (perché ho avuto l'impressione che non finissero mai) è tutto basato su questo. Noah che le apre il suo cuore, lei che lo rifiuta perché sì, altrimenti la Bailey cosa avrebbe scritto in queste duecento pagine?
E' una storia troppo tirata per le lunghe, che poteva finire cento pagine prima perché non succede nulla, se non Noah che continua a scegliersi ragazze stronzissime e Amanda gelosa marcia che si incazza perché lui sta con persone non alla sua altezza, dopo che lo ha rifiuta più volte. Noah è uno con le idee chiare e sin da subito sa ciò che vuole. Mi è dispiaciuto molto che sia caduto nel solito stereotipo del ragazzo che va con tutte per dimenticare Amanda, ma dopo che viene rifiutato più volte mi sembra piuttosto logico che faccia la sua vita, al confronto di Amanda che continua a piange (GIURO, PIANGE OGNI DUE FOTTU*beeep* PAGINE) e frignare come una bambina. Ok se hai dodici anni, ma no a diciannove anni suonati! Quasi quasi mi chiedo cosa ci trovi Noah in lei, bah!

E vogliamo parlare dei personaggi secondi? Le ragazze sono tutte stronze che sbavano dietro a Noah, i ragazzi tutti bellissimi e sexy e stronzi e sexy e bellissimi e stronzi (il ridotto vocabolario della Bailey per descrivere i ragazz9. L'unico degno di nota potrebbe essere Dalton, ma mi sembra messo lì tanto per.

Adesso passiamo alla parte finale, la parte peggiore a mio parere. L'autrice inserisce un colpo di scena che veramente mi ha fatto pensare a lanciare tutto dalla finestra. Una cosa messa lì, tanto per occupare pagine di un libro che poteva concludersi duecento pagine prime. All'inizio sembra trattare l'argomento molto bene, ma dopo un paio di capitoli ti chiedi: possibile che venga risolto così facilmente? Che non se ne faccia cenno più avanti? SERIAMENTEEEE?


SPOILER 
(evidenziate a vostro rischio e pericolo)
Amanda ha una gamba amputata. Innanzitutto, com'è possibile che viene rilasciata dall'ospedale solo tre giorni dopo l'operazione? Non ho mai avuto problemi del genere (ringraziando Dio), ma mi sembra un po' strano che dopo un'operazione così delicata sia congedata. Tra l'altro, dopo i momenti iniziali difficili, sembra che gestisca piuttosto bene la situazione..della serie, guida con tranquillità, cammina, fa maratone, attraversa mari e monti. Dai, seriamente??
FINE SPOILER

Insomma, non mi è piaciuta e mi ha annoiata a morte. Infatti le ultime pagine le ho letto per il semplice fatto che mi piace finire ciò che inizio, altrimenti lo avrei abbandonato.

Un vero peccato. Un libro che è iniziato bene, ma che degenera capitolo dopo capitolo. Se l'autrice avesse gestito meglio la storia e non l'avesse tirata per le lunghe, avrebbe potuto essere anche una storia bellissima, perché quando ci si mette la Bailey sa anche fare centro. Mi sono piaciute anche le "citazioni" ad ogni inizio capitoli che poi si scopre essere nientedimeno del diario di Amanda.

Un libro con ottimo potenziale non sfruttato appieno. Peccato!

PERFECT

  • #1 Perfect. La perfezione di un attimo 
  • #2 Past Perfect | storia di Brad, personaggio secondario [inedito]
  • #3 Presently Perfect | storia dal punto di vista di Noah (?) [inedito]

10.3.16

Perché ho deciso di togliere il rating nelle recensioni

Sono mesi (se non anni xD) che ci penso e alla fine mi sono decisa. Toglierò il sistema di rating\valutazione nelle recensioni. Ho deciso di annunciarlo in un post così eviterò di scriverlo ogni volta che vi parlo di un libro. Perché ho deciso di fare così? Adesso vi spiego la mia scelta.

Non sono capace di tradurre le emozioni che ho provato durante la lettura in stelline. Secondo me non si può semplicemente ridurre un giudizio con un voto, un po' come a scuola quando i professori danno la valutazione. Ecco, come una persona non è un numero(cosa che mi dicevano sempre i professori), credo, anzi ne sono sicurissima, che nemmeno un libro lo è.

Il secondo motivo è che alcune stelline di un libro possono valere più o meno di altre stelline. Nel senso, a volte mi capita di dare quattro stelline a due libri diversi, ma spesso uno dei due libri mi è piaciuto più dell'altro, nonostante la valutazione sia la stessa. Ci sono libri da cinque stelline più belli di altri libri da cinque stelline e sinceramente un po' mi dispiace dare la stessa valutazione quando un libro mi è piaciuto più dell'altro, ma dare quattro stelline e settantacinque sembra comunque pochino. Poi mettiamoci che sono un'indecisa cronica quando si tratta di dare una valutazione, della serie che mi faccio diecimila complessi e magari poi leggo un altro libro e mi pento di aver dato troppe stelline a quello precedente.

Insomma, sono c o m p l e s s a t a.
Perciò togliamo le stelline e problema risolto.

So che molti di voi vivono a pane e rating (ok, è brutta) e mi dispiace tanto se quando leggeranno una mia recensione non troveranno nessuna valutazione, però non mi trovo bene e non vedo motivo per cui dovrei continuare a dare un voto se non sono nemmeno convinta della valutazione.

Ok, ho finito. Non so quando mi troverete di nuovo qui perché domani sono tutto il giorno a lezione (otto ore di informatica per la grafica, OTTO FOTTUTE ORE, AIUTO) e 'sti geni mi hanno messo lezione anche di sabato. Sicuramente domenica o la prossima settimana pubblicherò un'altra recensione (sì stanno accumulando, *piange*). Nel caso in cui non dovessi scrivere, buon fine settimana c:

9.3.16

Recensione La moglie del califfo (The Wrath and the Dawn #1) di Renee Ahdieh

Buon pomeriggio lettori c: secondo giorno di lezione e già mi sento stressata @_@ quando arrivano le vacanze di pasqua? Ne ho bisogno. Ad ogni modo la revisione è andata benissimo e adesso mi sento più rilassata *sospira felice*. Approfitto di questo pomeriggio libero per lasciarvi la recensione de La moglie del califfo, The Wrath and the Dawn di Renee Ahdieh. Come sempre, fatemi sapere cosa ne pensate c:

Titolo: La moglie del califfo
Autore: Renee Ahdieh
Serie: The Wrath and the Dawn #1
Editore: Newton Compton
Anno: 2016

Ogni volta che il sole cala sul regno di Khalid, spietato califfo diciottenne di Khorasan, la morte fa visita a una famiglia della zona. Ogni notte, infatti, il giovane tiranno si unisce in matrimonio con una ragazza del luogo e poi la fa uccidere appena sorge il sole, dopo aver consumato le nozze. Ecco perché tutti restano sorpresi quando la sedicenne Shahrzad si offre volontaria per andare in sposa a Khalid. In realtà, ha un astuto piano per spezzare quest’angosciosa catena di terrore, restando in vita e vendicando la morte della sua migliore amica e di tante altre fanciulle sacrificate ai capricci del califfo. La sua intelligenza e forza di volontà la porteranno a superare la notte, ma pian piano anche lei cadrà in trappola: finirà per innamorarsi proprio di Khalid, scoprendolo molto diverso da come appare ai suoi sudditi. E Shahrzad scoprirà anche che la tragica sorte delle ragazze non è stata voluta dal principe. Per lei ora è fondamentale svelare la vera ragione del loro assurdo sacrificio per spezzare una volta per tutte questo ciclo di morte.
Recensione
Avete letto le mie prime impressioni del libro? Ok, un breve recap. I primi capitoli, nonostante mi siano piaciuti, ho impiegato un po' a leggerli perché distratta da troppe cose. Appena però ho avuto un attimo di tempo ho divorato il libro in pochissimo. La storia mi è piaciuta tanto, anche se non mi sento soddisfatta appieno.

Innanzitutto è uno young adult e ultimamente sembra che io non li digerisca molto. Ciò che mi dà fastidio sono i personaggi giovanissimi che si lanciano in imprese titaniche, vedi Sharzad che si offre volontaria per vendicare la morte della sua migliore amica o vedi Tariq, il fidanzato storico della protagonista che è pronto a scatenare una guerra pur di riprendersela. E' vero che stiamo parlando di un libro, fantasy per giunta, ma io sono un tipo che più un libro è realistico più mi entra nel cuore. Io questo realismo non l'ho visto, soprattutto quando Sharzad arriva nella reggia e sembra che l'idea di essere uccisa da suo marito - il temibile califfo che ha ucciso tutte le sue mogli precedenti - non le faccia la minima paura. Ok che è un tipo coraggioso, ma se vuoi la vendetta innanzitutto non dovresti fare la fastidiosa perché tuo marito ti toglie dalla circolazione in un battito di ciglia (tecnicamente). Stessa cosa per Despina, una schiava che non ci pensa due volte ad dirne quattro a Sharzad, la califfa. Ma di quando in quando una schiava manca di rispetto al suo padrone? Ecco, la sfacciataggine credo sia l'aspetto che più mi ha irritato perché è una delle qualità che possiedono gran parte dei personaggi di questa storia, cosa che mi ha fatto pensare che fossero fatti tutti con lo stesso stampo.

Questo è l'unico aspetto che ho detestato, soprattutto nei primi capitoli, ma dopo un po' ci si abitua, specialmente quando la storia diventa più incalzante e la voglia di scoprire il misterioso passato del califfo diventata molta. Senza ombra di dubbio è il mio preferito della storia, questo personaggio che emana solitudine e tristezza sin dalle prime pagine.

Bellissimo il paragone con Le mille e una notte - non l'ho mai letto, ma ho dato un'occhiata su wikipedia ed è abbastanza fedele - e anzi ad un certo punto sono rimasta perfino delusa quando ho scoperto che la protagonista non avrebbe finito di raccontare la storia che aveva iniziato.

Possiamo dire che La moglie del califfo ha anche qualcosa della fiaba di Barbablù e di Aladino (che se non sbaglio fa anche parte dei racconti de Le mille e una notte?), anche se sono piccoli accenni. Magari sarà più approfondito nel prossimo volume? Accennata anche la magia - anzi, più che accennata diciamo che ha un ruolo principale, solo che viene messa da parte per dare spazio al legame che si crea tra i due protagonisti, legame che all'inizio mi era sembrato troppo repentino, ma pagina dopo pagina mi ha conquistata sempre di più.

Mi ha fatto piacere scoprire qualcosa della cultura orientale, nonostante i vari nomi impronunciabili dei personaggi mi abbiano confuso più di una volta (anche alla fine della storia non avevo ancora capito chi era chi) e alcuni termini stranieri mi abbiano fatto impazzire. Per fortuna c'è un glossario, che personalmente mi è servito poco e niente..sono troppo pigra per interrompere la lettura ogni 2x3 per leggere una definizione. Spero che la prossima volta la Newton decida di inserire le definizioni a fondo pagina (ora lancio una petizione).

THE WRATH AND THE DAWN
  • The moth and the flame (#0.25)
  • The crown and the arrow (#0.5)
  • The mirror and the maze (#0.75)
  • La moglie del califfo (#1)
  • The rose and the dagger (#2)

Leggendo La moglie del califfo mi è anche venuto in mente un altro libro, La camera di sangue, ispirato alla storia di Barbablù - marito che uccide le mogli. Non l'ho letto, però boh, mi è venuto in mente, perciò magari se state cercando un altro libro nello stesso stile questo potrebbe fare al caso vostro.

[Questa volta (e probabilmente anche nelle prossime recensioni) non darò valutazione perché non so nemmeno io cosa dare. Di sicuro si tratta di quattro stelline, forse quattro e mezzo. Solo che NON LO SO e io sono un'indecisa cronica, perciò è inutile che mi torturo - perché sì, sono il tipo che si torturerebbe per mezza stellina in più - per giorni, mesi e anni.]

Au revoir, c: