6 marzo 2017

Recensione "Illuminae" di Amie Kaufman e Jay Kristoff

Titolo: Illuminae 
Serie: Illuminae file_01
Autori: Amie Kaufman, Jay Kristoff
Pagine: 612
Prezzo: 22,00€
Anno: 2016
Editore: Mondadori
Link d'acquisto: Amazon

Quel giorno, quando si è svegliata, Kady pensava che rompere con Ezra sarebbe stata la cosa più difficile da affrontare. Poche ore dopo il suo pianeta è stato invaso.Anno 2575: il cielo di Kerenza, un pianeta poco più grande di un granello di sabbia coperto di ghiaccio e sperduto nell'universo, si oscura all'improvviso. Tra le esplosioni e le urla degli abitanti terrorizzati, una squadra d'assalto delle BeiTech, una potente corporation interstellare, dà inizio all'invasione. Ed Ezra e Kady, che si rivolgono a malapena la parola, sono costretti a cercare insieme una via di fuga.Alcuni giorni dopo, però, un mortale virus mutante inizia a diffondersi a bordo di una delle navi sulle quali si trovano i due ragazzi e gli altri superstiti. Come se non bastasse, AIDAN, l'intelligenza artificiale che dovrebbe proteggerli, pare essersi trasformato nel nemico. E nessuno dei militari incaricati delle operazioni di salvataggio sembra intenzionato a spiegare ciò che sta accadendo. Quando Kady riesce ad accedere a informazioni strettamente riservate, le è subito chiaro che l'unica persona che può aiutarla è anche l'unica con la quale pensava non avrebbe più avuto nulla a che fare.Attraverso un corposo dossier riservato composto da resoconti militari, trascrizioni di interrogatori, rapporti medici, intercettazioni, email e tanto altro, Illuminae ci parla, documento dopo documento, del prezzo della verità, di vite spezzate e del grande coraggio di eroi di tutti i giorni. 
Illuminae ha fatto parlare di sé già prima che la casa editrice italiana ne acquistasse i diritti. Personalmente all'epoca non mi aveva attratto più di tanto. Ho iniziato a maturare un certo interesse soltanto quando ho scoperto che la storia fosse narrata in maniera particolarmente originale. Infatti Kaufman (autrice della serie These Broken Stars) e Kristoff (Nevernight) attraverso documenti, chat, mail e quant'altro ricostruiscono la storia di Ezra e Kady, due ragazzi innamorati che si ritrovano a vivere in due navi diverse poiché il loro pianeta, Kerenza, è stato attaccato (il perché, a parer mio, non è tanto convince). Una volta sfuggiti all'attacco però i cittadini non sono del tutto al sicuro . Oltre al fatto che la nave nemica che li ha attaccati è sulle loro traccie per terminare quello che hanno iniziato, un virus sembra essersi diffuso tra la gente, per non parlare del fatto che AIDAN, l'intelligenza artificiale, sembra essere impazzita.

Non voglio farne un mistero, ma non sono rimasta particolarmente entusiasta di questo libro. Non tanto per la storia che personalmente ho trovato affascinante, ma per il metodo in cui è narrata. Già, lo stile di narrazione, il tratto distintivo di questo romanzo, il motivo per il quale ho deciso di leggere questo libro non mi ha entusiasmato per niente. Non so bene cosa avrei dovuto aspettarmi, è la prima volta che leggo una storia narrato in questo modo, ma non so, non mi aspettavo che avrei fatto fatica a leggerlo.

Innanzitutto il fatto che le "scartoffie" (chiamiamole così in modo che non debba specificare ogni volta documenti, chat, mail ecc. ecc.) non riguardano soltanto i personaggi principali. Spesso si cambia punto di vista: un documento scritto dalla dottoressa, un mandato di un comandante, roba così che non ha fatto altro che aumentare la mia confusione.
Chi è questo? E' quell'altro? Da dove è spuntato? Cosa sta succedendo?
Ho fatto fatica a restare concentrata, ad entrare in sintonia con i personaggi, a restare coinvolta nelle vicende.

A dirla tutta le prime duecento pagine sono stata una di una noia mortale, se escludiamo un paio di messaggi che si scambiano i personaggi in chat. La storia sembrava non ingranare mai. E i motivi sopracitati purtroppo non aiutavano.

Sono profondamente dispiaciuta perché la storia mi è piaciuta molto e sono sicura che se fosse stato scritto come un normale romanzo sarebbe stato uno dei miei preferiti. E' una cosa terribile perché vorrei andare dagli autori e chiedere di scrivermelo come si deve per farmelo amare. Sicuramente non solo avrei apprezzato di più la storia, ma anche i personaggi. Non che non mi siano piaciuti, ma non sono riuscita ad entrare in sintonia con loro. Degno di nota è invece AIDAN, l'intelligenza artificiale che sembra diventare sempre più umana, pagina dopo pagina. Infatti se ci sono dei capitoli che mi sono piaciuti tanto, sono quelli narrati dal suo punto di vista. Credo che la parte finale è quella che ho trovato più coinvolgente o che in generale mi ha conquistata.

Tutto sommato però non posso non consigliarlo perché:
  • è scritto in maniera originale. Io non l'ho apprezzato, ma credo che tutto sommato sia un'esperienza da provare. E' possibile che voi lo apprezziate di più. D'altronde sul web gran parte dei lettori lo hanno amato.
  • la storia è molto bella. Ripeto, non ho apprezzato com'è stato scritto, ma tutto sommato la storia in sé mi è piaciuta tanto.
  • alcune conversazioni sono simpaticissime, tipo quella che ho pubblicato sul blog
    (leggi l'estratto di Illuminae)
  • perché graficamente è un gioiellino e vale il suo costo.
  • è una serie, ma i personaggi cambiano in ogni volume. E il secondo "Gemina" verrà pubblicato in Italia ad ottobre 2017 circa.
Insomma, ciò che mi ha fregato è proprio il metodo narrativo che pensavo mi sarebbe piaciuto, ma la storia in sé, quella mi è piaciuta. Infatti riesco a capire il perché delle recensioni positive. 

Mi piacerebbe sapere il vostro punto di vista. Vorrei capire se solo io ho avuto questo problema XD
A presto ♥

26 commenti:

  1. Non mi ispira per niente, sono molto selettiva sulla fantascienza u.u

    RispondiElimina
  2. Io lo voglio proprio leggere non solo perché lo ha scritto Kristoff - Nevernight ha colpito XD - ma anche per come è strutturato all'interno. Inoltre ho un gran bisogno di arricchire la sezione sci-fi. In pratica non sono d'aiuto per il confronto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lol
      Nevernight mi incuriosisce, ma lo leggerò solo se dovesse uscire in italiano (#vivalapigrizia!). Comunque fai bene a volerlo leggere, secondo me è un'esperienza da fare :3

      Elimina
  3. Ciao Giusy! Io invece ho apprezzato moltissimo i documenti e il modo in cui è stato scritto,anzi non sono riuscita a scrivere una recensione perché sembrava l'opinione di una nerd invasata...secondo me,proprio come il libro "la nave di Teseo" sono quelle storie per cui alcuni impazziscono di gioia e altri impazziscono a leggere tutti gli inserti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. boh, non saprei che dirti. Da amante della grafica speravo tanto che mi piacesse, e invece..

      Elimina
  4. A me ispirava più per la resa grafica e la narrazione sotto forma di scartoffie, che per la storia in sè, che, non dirmi niente, mi sa di "già letto", boh. Peccato però. Lo leggerò quando mi sentirò in vena u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhm, sulla storia non saprei cosa dirti. Magari sì, sarà qualcosa di già visto, ma in un certo senso un po' originale lo è. Secondo me potrebbe piacerti :P

      Elimina
  5. Ciao Giusy, anche io sono attratta da questo libro, ma sono veramente indecisa sull'acquisto, in parte mi incuriosisce lo stile con cui è stato scritto, ma il mio "timore" è di incappare proprio nel problema che hai riscontrato tu. Ho paura che proprio lo stile "a scartoffie" (ahahahaha) possa crearmi difficoltà nell'appassionarmi alla storia, temo possa renderla impersonale. Quindi, se da un verso la tipologia di libro e la sua grafica me lo fanno desiderare, dall'altro queste stesse cose mi fanno dubitare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, in questo caso non saprei proprio cosa consigliarti. Potresti comunque provarci, alla fine penso che sia un'esperienza visiva da fare.

      Elimina
  6. Ciao:) Questo libro mi ispira tantissimo ma a frenarmi sono il costo (anche se meritati, sono comunque 22 euro o.O) e il tipo di narrazione. E mi confermi che il pericolo di trovarla confusionaria c'è, eccome. Ci penserò su un altro po', magari in biblioteca intanto lo prendonoxD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai la possibilità di trovarlo in biblioteca, potresti benissimo approfittarne XD

      Elimina
  7. Ciao Giusy inizialmente anche io mi sono annoiata tantissimo leggendo il libro però poi a parer mio è decollato e mi è piaciuto molto
    Se vuoi trovi il mio pensiero QUI...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo, la storia mi è piaciuta molto, è proprio lo stile ad avermi annoiato ç_ç e non parliamo di venti pagine, ma di ben trecento x_x

      Elimina
  8. Bella recensione Giusy e finalmente trovo pareri che non parlino solo della folle grafica di Illuminae.
    Ovvio che l'estetica mi, sicuramente molto originale e particolare, mi ha da subito attratta,
    ma ho paura che proprio per il modo in cui è scritto possa non piacermi ed annoiarmi e soprattutto, come hai detto tu, che sia confusionario.
    Visto il costo (anche per me meritato) ho aspettato a comprarlo
    (sto sperando di trovarlo per caso su Libraccio, della serie #aspettaespera)

    Sicuramente in futuro gli darò una chance ;)

    Eleonora C
    LA BIBLIOTECA DELLA ELE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be', se ti capita di trovarlo usato, approfittane XD

      Elimina
  9. sai che a me è piaciuto molto, anche per il modo in cui è narrato, l'ho trovato molto scorrevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ricordo di aver letto la tua recensione :)

      Elimina
  10. Mi hai battuta sul tempo! Io ho programmato la recensione per domani :)
    Comunque anche a me è piaciuto molto ma non solo il modo in cui è stato narrato, ad esempio mi ha colpito moltissimo AIDAN <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aidan è piaciuto tanto anche a me!
      Curiosa di leggere la tua recensione :3

      Elimina
  11. Sai la penso proprio come te! L'ho acquistata attirata molto dall'aspetto grafico davvero innovativo, ma quando mi sono ritrovata a leggerlo proprio le pagine più belle, con le parole che formavano disegni e linee curve, erano quelle che ho trovato più difficili. Se le trascrizioni delle conversazioni le ho trovate piú scorrevoli e sí, spesso simpatiche, ogni volta che mi trovavo davanti un file diverso, la mia concentrazione si perdeva, tentando di riadattarsi alla situazione. Solo superata la metà é iniziato per me, il meccanismo della suspance e la storia mi ha divorata. Credo che se fosse stato scritto normalmente avrei eretto a questo libro un altarino, ma ora come ora, rimane una grande occasione mancata. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, anch'io ho avuto difficoltà ogni volta che mi trovavo davanti un file diverso :\ credo proprio che questo sia il punto debole!

      Elimina
  12. Il libro attira molto anche me soprattutto per la veste grafica, ma la trama non mi entusiasma. Sarà che non sono una grande amante della fantascienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari con questo libri ti ricredi, questo libro ha conquistato un po' tutti. E, ripeto, è un'esperienza da fare,perciò se ti attira, "buttati" xD

      Elimina
  13. io l'ho letto e mi è piaciuto un sacco, proprio per il modo in cui è scritto....passate le prime cento pagine (durante le quali ho fatto un po' di fatica ad "ingranare" perchè non riuscivo a mantenere bene in mente il filo della vicenda) non l'ho più mollato fino alla fine, passando un notte quasi intera a leggerlo

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.