24 giugno 2017

5 contemporary young adult da leggere questa estate

Negli ultimi tempi ho realizzato che i contemporary young adult, se scritti bene, possono rivelarsi delle letture adorabili e divertenti, non importa il numero di cliché. Personalmente ne sto leggendo tanti ed è il genere di libri che prediligo di più in questo periodo Oggi vi consiglio 5 contemporary young adult da leggere questa estate (+ 2 extra).
libri per ragazzi da leggere questa estate

🍦 Ps. I like you di Kasie West

Sicuramente non poteva mancare una delle mie ultime letture preferite. Kasie West è incredibilmente brava a rendere speciali storie che potrebbero sembrare banali se scritte da altri. Da leggere se amate le storie divertenti, dolci ma non sdolcinate e con i personaggi che si amano-odiano.

🍦 Al centro dell'universo  + Un amore inaspettato e Noi due ai confini del mondo di Morgan Matson

La Matson è un'altra delle miei autrici preferite e non potevo assolutamente scegliere soltanto uno dei suoi libri (tra quelli che ho letto), per questo ho deciso di inserirli tutti e tre.
    • Al centro dell'universo l'ho amato come pochi, uno dei miei libri preferiti di sempre. Da leggere se siete timide, riservate e avete bisogno di una spinta per lasciarvi andare completamente. 
    • Noi due ai confini del mondo se adorate i viaggi on the road o i viaggi in generale
    • Un amore inaspettato se amate i cani, la caccia al tesoro e se siete delle programmatrici seriali

Letto in inglese, ma disponibile anche in italiano, è stata una lettura veramente adorabile. Da leggere se vi piacciono le storie di amicizia-amore indistruttibile e\o se anche voi siete alla ricerca di risposte.

🍦 Tutte le volte che ho scritto ti amo di Jenny Han

Il libro della Han per certi aspetti potremmo paragonarlo a quelli della West, ma, in generale, se avete apprezzato almeno uno dei libri di questa lista, potete tranquillamente leggere gli altri. Questa serie non ha niente a che fare con la Summer Trilogy ( L'estate nei tuoi occhiNon è estate senza di te, Per noi sarà sempre estate) anche se, stranamente, non mi era dispiaciuta XD. Da leggere se anche voi siete delle sognatrici come Lara Jean.

🍦 Il primo amore sei tu di Stephanie Perkins

Non fatevi spaventare dai titoli di questa serie come me, perché le storie della Perkins sono sì, dolci, ma lontanissimi da quei libri smielati. Da leggere se vi piacciono i personaggi fuori dalle righe.

Il post finisce qui, ma non i consigli. Nelle prossime settimane vedrò di pubblicare altri post simili, se vi fa piacere. Nel frattempo fatemi sapere quali tra questi libri avete letto. Mi farebbe tantissimo piacere anche sapere quali contemporary YA consigliereste voi! Sono tutta occhi.
A presto.

16 giugno 2017

Riepilogo delle mie ultime letture e dei libri che sto leggendo

Buon pomeriggio lettori!
Scusate l'assenza, ma tra poco giorni inizia la sessione estiva. Certo, non passo 24h a studiare, però ce la sto mettendo tutta per mettermi in pari e riuscire a dare almeno quattro esami. Purtroppo abbiamo finito solo ieri le lezioni, quindi sono rimasta un po' indietro, ma conto di farcela, per questo mi sa che tornerò del tutto attiva dopo il 7 luglio anche se non ho intenzione di lasciare il blog completamente vuoto.

Oggi ho deciso di fare un piccolo riepilogo delle letture che ho fatto negli ultimi mesi e dei libri che sto attualmente leggendo. Pensavo di inserire anche le prossime letture, ma mi sono accorta che il post veniva troppo lungo, perciò preferisco parlarvene un'altra volta.
LIBRI LETTI
Dato che li ho già recensiti quasi tutti, non mi soffermerò troppo. Tredici (leggi la recensione di Tredici) non mi è dispiaciuto per niente ma..meglio la serie tv (seppur nemmeno quest'ultima penso sia un capolavoro). Nel profondo della foresta (leggi la recensione di Nel profondo della foresta)mi è piaciuto tantissimo. Era da tempo che un fantasy di questo stampo non mi coinvolgente così tanto. Tutta colpa di un like è l'unico che non ho recensito e che non mi è piaciuto, ma non perché sia effettivamente brutto, ma piuttosto perché è un libro sconclusionato, senza una vera e propria trama. La recensione è già pronta, ma penso proprio che la pubblicherò finiti gli esami perché devo rivederla e cercare di mettere ordine ai miei pensieri.

Ps. I like you (leggi la recensione di Ps. I like you) l'ho adorato. Questo è un tipo di romanzo per ragazzi che mi piacere da morire. Uno degli obiettivi di questa estate sarà proprio recuperare tutti i libri di Kasie West! Per Nerve (leggi la recensione del libro Nerve \ clicca qui per quella del film) invece la penso un po' come Tredici. Non mi è dispiaciuto e mi ha coinvolto tantissimo, seppur non sia il massimo come libro. E secondo me il tema è un po' sprecato perché è molto interessante.
E infine Paper Princess (leggi la recensione di Paper Princess) che, udite udite, non mi è dispiaciuto (ma non penso leggerò i seguiti, non al momento).
IN LETTURA

Finalmente ho ripreso in mano Il trono di spade 2. Il regno dei lupi - La regina dei draghi che avevo iniziato lo scorso anno per poi fermarmi dopo 400 pagine (non per noia, eh). E' vero che ultimamente l'ho accantonato di nuovo per concentrarmi sullo studio, però per molto tempo non sono riuscita a leggere libri così impegnativi e sono felice che mi è tornata la voglia. Non vedo l'ora di essere più libera per dedicarmici del tutto!

Atlas Obscura mi è stato inviato dalla Mondadori. E' un manuale bellissimo sui luoghi meravigliosi della terra di cui non molti ne sanno l'esistenza. Ho letto una cinquantina di pagine perché mi è stato inviato il pdf (c.c) e perché non è un libro da leggere tutto d'un fiato secondo me, ma da godersi a piccole dosi. Anche se se avessi avuto il cartaceo probabilmente lo avrei finito da un pezzo (peccato costi molto ç_ç).

Che dio me la mandi bona mi è stato inviato dalla Mileni Edizioni. La trama mi ha subito incuriosito (per non parlare del titolo simpaticissimo), però ad avermi convinto è stato l'incipit del libro. Ho letto giusto qualche capitolo, ma in generale è questo il libro a cui sto dando la precedenza. Sembra molto carino comunque!

E infine sto rileggendo La pietra filosofale, anche se rileggere è un parolone. Diciamo che leggo un capitolo alla mia cuginetta di tanto in tanto. Però appena finisco gli esami spero di poterlo fare una rilettura per come si deve.

Cosa ne pensate di questi libri? E cosa state leggendo? :)

12 giugno 2017

Recensione "Paper Princess" di Erin Watt

La scorsa settimana ho terminato uno dei libri più discusso delle ultime settimane. Si tratta di Paper Princess, libro scritto da Erin Watt, pseudonimo delle autrici Elle Kennedy (che, dal quel che ho letto, ha scritto Il contratto) e Jen Frederick. C'è chi lo ha odiato e chi lo ha adorato, curiosi di sapere da che parte mi schiererò? L'ho letto praticamente solo per questo 
NB: potrebbero esserci dei piccolissimi spoiler


Titolo: Paper Princess
Autore: Erin Watt
Pagine: 352
Editore: Sperling&Kupfer
Data di pubblicazione: 30 maggio 2017
amazon
Dagli strip club e stazioni di servizio ai palazzi della costa del sud e le scuole di preparazione, una ragazza cerca di rimanere fedele a se stessa.
Questi Royals ti rovineranno...
Ella Harper è una sopravvissuta, un'ottimista pragmatica. Ha passato tutta la vita a muoversi di città in città con la volubile madre, lottando per sbarcare il lunario e credendo che un giorno riuscirà a risalire dal fondo.
Dopo la morte di sua madre, Ella è veramente sola.
Fino a quando appare Callum Royal, che strappa Ella dalla povertà e la trascina nel suo palazzo elegante con i suoi cinque figli che la odiano. Ogni ragazzo Royal è più magnetico di quello precedente, ma nessuno così accattivante come Reed Royal, il ragazzo che è determinato a rimandarla nei bassifondi da cui proviene.
Reed non la vuole. Dice che non appartiene ai Royals.
Potrebbe avere ragione.
Ricchezza. Eccesso. Inganno. Nulla che Ella abbia mai sperimentato, e se sopravviverà al periodo al palazzo Royal, avrà bisogno di imparare a rilasciare i propri decreti "reali". 
E *rullo di tamburi*
io mi trovo nel mezzo!
Nel senso che non mi è dispiaciuto, ma che capisco anche il motivo per il quale la gente se ne lamenti. Intanto questo libro non è adatto ad un pubblico "young adult" come verrebbe da pensare subito data l'età dei protagonisti. Lo so che i giovini di oggi sono tipo peggio di quelli del libro, ma credo che appunto per questo motivo dovrebbero leggere qualcosa di istruttivo, tipo la bibbia. Ok, un po' scherzo e un po' no. Solo che mi mette tristezza pensare che i ragazzini leggeranno Paper Princess pensando di trovarsi davanti il ragazzo dei loro sogni, la loro eroina, ecc, ecco. Magari c'è chi sa distinguere realtà da finzione (e con questo intendo separare ciò che ci fa brillare gli occhi nella finzione da ciò che ci fa brillare gli occhi nella realtà), ma è anche vero che al giorno d'oggi ci sono persone che vogliono un Christian Grey o Gray (o con qualsiasi fottutissima vocale si scriva) nella vita reale, perciò non mi sorprenderei.

Comunque il motivo per il quale non mi è dispiaciuto è che l'ho buttata sul ridere. Nel senso che questa volta al posto di irritarmi, lanciare il libro della finestra e passarci sopra con un camion, ho deciso di farmi una risata - e, per la cronaca, ne ho fatte tante, e non perché c'era da ridere lol.
Ella nel primo capitolo mi stava sulle palle e pensavo l'avrei odiata, per questo motivo avevo deciso di lasciar perdere, ma dopo il caos scoppiato grazie a questo libro mica potevo tenermi in disparte? Dovevo lanciarmi nella mischia.

Diciamo che successivamente diventa sopportabile, seppur io non abbia condiviso molte sue scelte. Ad esempio mi è piaciuta ogni volta che qualcuno le fa un dispetto e lei gira la frittata a suo favore. Certo, poi quando ci sono di mezzo i Royal è un po' rincretinita - proprio quando deve tirar fuori le palle -, specialmente quando c'è di mezzo Reed. Comunque per certi aspetti l'ho trovata un personaggio irrealistico. Andiamo, ha fatto la spogliarellista per sopravvivere e pagare le spese della malattia della madre ed è vergine? Della serie "Tutti mi dicono puttana, ma io non ho mai fatto sesso e quindi non lo sono". In pratica è questo il messaggio che passa, come se avesse fatto sesso per sopravvivere avrebbe fatto di lei una brutta persona. E poi, come fa una disperata che darebbe la vita per salvare la madre a non essersi mai spinta più in là in cambio di soldi?

Il background dei Royal l'ho trovato più interessante invece. Sono incazzati con il padre perché pensano che la madre sia morta per colpa sua, per non parlare del fatto che non è mai stato presente come figura genitoriale, eppure in quanto tutore di Ella si fa in quattro per lei. Ecco, non dico che sono giustificati, ma io un po' capisco il loro comportamento. Anch'io sarei arrabbiata con i miei se non si fossero mai comportati da genitori e poi arriva un tizio random e si comportano da genitori modello.

Ho trovato completamente insensata la cotta che prende Ella per Reed. Ci sta che magari sia un po' attratta, dato la bellezza dei ragazzi, ma addirittura innamorarsene mi sembra esagerato. Speravo che avesse maggiore forza di volontà. Personalmente è la parte che ho meno preferito e che mi ha annoiato a morte. La loro storia non mi ha trasmesso nulla, così come lo stesso Reed.

Tra i Royal è quello più freddo e più stronzo. Dopo la fine del libro ben poco sappiamo di lui. In generale sappiamo ben poco di tutti gli altri personaggi, se non giusto un po' del loro backgroud, ma di lui che in un certo senso può essere considerato il coprotagonista, non sappiamo nient'altro. Cosa gli piace, cosa pensa. E' più approfondito il padre, Callum, e il fratello Easton che lui. Seriamente, Easton mi è piaciuto un sacco, seppur sia un maiale e abbia ovviamente qualche problemino mentale(ma, hey, io ho seri problemi, che vi aspettavate?). Comunque mi ha divertita e, se fossi stata io, altro che Reed.

La prima parte mi ha ricordato molto Gossip Girl, la seconda invece credo che le autrici si siano lasciate prendere la mano un po' troppo con i cliché e un pochino mi hanno annoiato, soprattutto verso la fine. Del tipo ragazzo biondo, perfetto, stimato da tutti che si rivela essere un pervertito; Reed che picchia tizio random perché ha insultato Ella; e blablablabla. Non vi ricorda qualcuno? Dai, vi do un biscottino se riuscite ad indovinare (e no, non è Christian Coso..no, aspettate, anche lui ci somiglia!).

Insomma,è partito bene per poi perdersi nei capitoli finali, ma tutto sommato lettura poco impegnativa e coinvolgente. Sono indecisa se leggere o meno il secondo volume perché onestamente il solo pensiero di un altro libro con i drammi Ella-Reed mi sale un pochetto il suicidio, ma sono troppo curiosa di saperne di più su Easton e, I don't know, magari quando uscirà Paper Prince (27 giugno) sarò psicologicamente pronta.

THE ROYALS

  • #1 Paper Princess
  • #2 Paper Prince (27 giugno)
  • #3 Twisted Palace
  • #3.5 Tarnished Crown
  • #4 Fallen Heir
  • #5 Cracked Kingdom

Fatemi sapere cosa ne pensate e, se volete discutere di certi aspetti del libro, scrivete pure. Vi risponderò al più presto :)

9 giugno 2017

Recensione "Nerve" di Jeanne Ryan

Ciao ragazzi!
La settimana scorsa ho letto Nerve grazie alla Newton Compton, libro dal quale è stato tratto l'omonimo film che uscirà a breve nei cinema (ma che in lingua originale è già uscito lo scorso anno,quindi se siete interessati al mio commento sul film, potete leggerlo qui). La trama mi ispirava tantissimo perché mi ricorda vagamente altre storie, in particolare l'episodio Orso Bianco della serie tv Black Mirror  (anche se per "qualità" non ci sono paragoni, ovviamente lol). Poi dopo aver visto il trailer del film la mia curiosità era altissima!

Titolo: Nerve
Autore: Jeanne Ryan
Pagine: 256
Anno: 2017
Editore: Newton Compton
Amazon

Quando Vee viene selezionata come concorrente per il gioco in diretta online Nerve, scopre che il gioco la conosce. Gli organizzatori l'hanno attratta e convinta a partecipare con premi allettanti e con la promessa di fare coppia con il ragazzo perfetto, il brillante e sensuale Ian. In un primo momento Nerve si rivela incredibilmente divertente: i fan di Vee e Ian tifano per loro e li spingono ad alzare la posta con imprese sempre più rischiose. Ma il gioco ha una svolta poco chiara quando i partecipanti vengono indirizzati verso una località segreta con altri cinque giocatori per il round del Grand Prize. Improvvisamente stanno giocando il tutto per tutto e in palio c'è la loro vita. Fino a che punto il sangue freddo di Vee la sosterrà per andare avanti?

Ormai ho imparato che con gli young adult non devo avere alte aspettative, per questo nonostante Nerve abbia tantissimi difetti, in linee generali non mi è dispiaciuto. Nerve è un gioco che, se vogliamo proprio fare paragoni azzardati, potrebbe essere un misto del "gioco" Blue Whale\Balena Blu (sempre che questo gioco esisti realmente ), Hunger Games e appunto il sopracitato Black Mirror. Ci sono una serie di sfide da completare sotto lo sguardo degli Spettatori (virtuali e non) in cambio di premi belli consistenti. Insomma, sembra proprio un gioco fighissimo!

La protagonista è Vee una ragazza che ha sempre vissuto dietro le quinte e che per una volta vuole i riflettori puntati su se stessa. Personalmente non mi è piaciuta, l'ho trovata troppo piagnona e i motivi per il quale decide di partecipare a Nerve sono davvero meschini. Tra l'altro penso che sia un personaggio poco coerente, uno che dice di essere in un modo e poi si comporta in maniera del tutto differente. Non mi è piaciuta anche per il fatto che è gelosissima della sua migliore amica e anche se alla fine sembra ci sia un miglioramento nel loro rapporto, ho detestato il fatto che Vee continuasse ad essere gelosa. Ma che c**** di amicizia è questa? Tra l'altro l'autrice lo fa passare come una cosa normale.

A far da spalla alla protagonista c'è Ian, un ragazzo """""misterioso""""" che partecipa al gioco e che verrà affiancato a Vee. Personalmente l'ho trovato un personaggio piatto, non mi ha detto completamente nulla, come del resto gli altri personaggi. L'autrice vuole farlo passare per un personaggio dal passato oscuro,ma il suo tentativo è talmente ridicolo che.. vabbè, sorvoliamo.

Ovviamente come ogni young adult che non si rispetti, devono infilarci a forza la storiella d'amore. Ammetto che all'inizio non mi stava dispiacendo il flirt tra Vee e Ian, peccato che dopo un paio di pagine sembrano essere innamorati  4ever and evah. Ah, il tutto si svolge in una giornata. Capite, una. fottutissima. giornata. MEH

Probabilmente adesso vi starete chiedendo perché ho scritto che non mi è dispiaciuto dato che mi sono lamentata tutto il tempo (ma voi lo sapete che io passo gran parte della mia vita a lamentarmi, no?). Di sicuro è un romanzo molto leggero, che coinvolge tantissimo. Pensate che se non fossi in periodo di esami probabilmente lo avrei finito in pochissimi giorni talmente ero curiosa di saperne di più sul gioco Nerve, tutta l'aria di mistero che vi gira intorno e quali sarebbero state le sfide. Questi sono state i veri motivi per il quale ho divorato avidamente il libro, anche se alla fine le sfide sono state piuttosto deludenti e ho iniziato ad annoiarmi un pochino. Altro fattore che ha reso la lettura più piacevole è stato il fatto che immaginavo avrei trovato tutti questi difetti, perciò sono partita prevenuta.

Quindi ve lo consiglio o no? 
Se non vi convince, io vi direi di lasciar perdere. Invece se siete curiosi potreste farci un pensiero, senza aspettarvi troppo. Come dicevo è una lettura coinvolgente che potreste leggere anche in una giornata.

Fatemi sapere il vostro parere!