31 maggio 2015

What's happened this month?

O forse dovrei scrivere What doesn't happen this month? Sapete che tra qualche settimana avrò gli esami di maturità e che al momento sono impegnata con le ultime interrogazioni e con la tesina (bugia, a quella non ci sto proprio pensando, mi scoccia da morire) e che quindi sto leggendo poco. Ma davvero poco. 
Libri terminati? Uno, Heir of fire. Vergognoso, lo so. Il punto è che studiando interi pomeriggi a volte sono così stanca che non riesco nemmeno a leggere due righe. Libri che ho iniziato? Tre: 1984, Gala Cox, Endless Knight. Ancora non ho portato al termine nessuno dei tre e nemmeno sono sicura che lo farò al momento. Non perché non voglia o perché non mi piacciano, ma appunto perché non riesco a leggere. Ad ogni modo al momento sto leggendo leggendo Endless Knight  (una traduzione, un po' pessima aggiungerei) sperando che Jackson Deveaux (vi ricordate il cajun? L'unica persona che può apparire sexy e non deficiente parlando francese) mi faccia tornare la voglia di leggere. Non so perché, ma quando mi sento così stressata riesco meglio a leggere un ebook che un cartaceo. E' una cosa piuttosto strana, a voi capita mai?

POST DEL MESE
  • Ho scritto soltanto una recensione, quella del libro Tenebre e ghiaccio, letto lo scorso anno.
  • Ops, volevo dire due recensioni! Ho scritto quella di Forse un giorno. Sembra sia passato un secolo dalla lettura di questo libro!
  • Curiosi di scoprire l'autrice misteriosa? Potete trovarla in questo post insieme alle risposte alle vostre domande e al vincitore del giveaway (a proposito, fammi sapere se il libro è arrivato!).
  • Ho inaugurato una nuova rubrica, English Readings Experiences, nella quale vi parlo della mia esperienza nella lettura di Heir of fire.
  • Tappa #5 del blogtour Caprice e il cavaliere, un racconto urban fantasy dello scrittore italiano Alberto Camerra. Si parla di streghe!
  • Altro blogtour, ma questa volta dell'autrice italiana Raffaella Fenoglio e il suo romanzo Gala Cox. Nel post parliamo di veggenti. E voi, ci credete?
  • Alcune anteprime di Giugno 2015, tantissime novità da leggere a mare (e chi lo vedrà il mare quest'anno? So che non può piovere per sempre..ma almeno fino a luglio e_e).
  • Italian Corner: ospite Alessio Del Debbio con il suo romanzo Oltre le nuvole - storie di amici

COSA HO VISTO
Questo mese devo dire che ho visto un bel po' di puntate. Innanzitutto ho terminato JANE THE VIRGIN. Questa serie è semplicemente fantastica. E' diventata una delle mie preferite in assoluto. E' un mix di romance, crime, telenovelas (detta alla Rogelio De La Vega). Potete trovare le mie recensioni delle puntate qui x x x. Attenzione, potreste trovare degli spoiler! Ho terminato anche la prima e la seconda (e se non fosse per lo studio anche la terza) stagione di GAMES OF THRONES\IL TRONO DI SPADE. Al momento sono alla 3x07 e non posso fare a meno che amare questa serie. I miei personaggi preferiti sono Arya e Tyron, ma credo di amarli quasi tutti *-* non vedo l'ora di continuarla! Potete trovare il mio parere di queste puntate qui x x. Di film non ho visto praticamente nulla!

RANDOM

  • In questi giorni i cookies hanno seminato il terrore nella blogosfera. Io onestamente ho deciso di non fare nulla perché più leggo articoli dove spiegano cosa sono più sono confusa. Ho anche letto che con la navbar dovrei essere apposto. Perciò fatemi sapere se appare qualcosa quando aprite il mio blog.
  • Ho ricevuto il Boomstick award da Rosa e Lumi! Grazie mille ragazze, appena posso faccio il post.
  • In questi giorni ho tantissima voglia di scrivere, ma purtroppo non ho tempo. Riflettendo ho pensato che quest'estate, dopo gli esami, potrei riscrivere la mia fanfiction "V Apocalypse", cambiando ambientazione e qualche altro dettaglio, ma lasciando in generale la storia sempre la stessa. Sono ancora indecisa sul da farsi. Voi che mi consigliate?
  • Non ho più organizzato il famoso gruppo di lettura, ma prometto di organizzarne uno quest'estate.
  • Mi sono persa tantissimo vostri post, spero di recuperarli al più presto!
E adesso, vado a vedere una nuova puntata di Game of thrones *_*

Ps. perdonatemi la grafica un po'..così, ma sto cercando di sistemarla pian piano!

29 maggio 2015

In libreria #10 Giugno 2015 [De agostini]

Buon sera lettori c: come vedete, ho fatto qualche modifica al blog. Fondamentalmente la grafica è sempre la stessa, ho aggiunto soltanto altri colori (azzurro\verde e rosa) perché tutto marrone stava iniziando un po' a stancarmi. Ho rimesso il layout a due colonne perché quella a tre non fa proprio per me. E' tutto un casino, devo ancora sistemare qualcosa, ma come sapete bene questo è un periodo molto intenso  per me perciò me la prenderò con comodo :P
Oggi vi presento alcuni libri che usciranno a giugno con la casa editrice De Agostini :)

Titolo: Oltre i limiti 
Serie: Pushing the limits #1
Autore: Katie McGarry
Pagine: 528
Prezzo: 14,90€
Data di uscita: 9 giugno

Nessuno sa cosa sia successo a Echo Emerson, la ragazza più popolare della scuola, la notte in cui le sue braccia si sono ricoperte di cicatrici. Nemmeno lei ricorda niente, e tutto ciò che vuole è ritornare alla normalità, ignorando i pettegolezzi e le occhiate sospettose dei suoi ex-amici. Ma quando Noah Hutchins - il "bad boy" del quartiere - irrompe nella sua vita con la sua giacca di pelle, i suoi modi da duro e la sua inspiegabile comprensione, il mondo di Echo cambia. All'apparenza i due non hanno nulla in comune, e i segreti che custodiscono rendono complicato il loro rapporto. Eppure, a dispetto di tutto, non riescono a fare a meno l'uno dell'altra. Dove li porterà l'attrazione che li consuma e cos'è disposta a rischiare Echo per l'unico ragazzo che potrebbe insegnarle di nuovo ad amare?

Titolo: Un'estate contro
Serie: Pushing the limits #1.5
Autore: Katie McGarry
Pagine: 516
Prezzo: 14,90€
Data di uscita: 9 giugno

La sospirata vacanza che Echo e Noah si sono regalati per festeggiare il diploma è quasi finita. Per tre mesi i ragazzi hanno viaggiato, visitando luoghi meravigliosi e piazzando le opere di
Echo in diverse gallerie d’arte. E, soprattutto, hanno condiviso momenti indimenticabili, che li hanno uniti ancora di più. Ma l’idillio si spezza quando Noah scopre di avere ancora dei parenti

in vita ed Echo è costretta a fare i conti con il ritorno della madre... L’amore e la fiducia basteranno ai due ragazzi per affrontare i fantasmi del passato e ricominciare ancora una volta da capo?

Titolo: Regole d'amore per amici confusi
Autore: Ellie Cahill
Pagine: 416
Prezzo: 14,90€
Data di uscita: 23 giugno

Il primo anno di università può essere complicato, si sa. Soprattutto quando il tuo fidanzato storico ti lascia senza troppi giri di parole. È quello che succede a Joss, e la delusione le lascia davvero l’amaro in bocca. Un sapore da cui fatica a liberarsi, nonostante i corteggiatori non le manchino. Ma tutto cambia quando Joss incontra Matt: lui è bello e gentile, forse non proprio il suo tipo ideale. Eppure tra i due la complicità è immediata. Così, tra una confidenza e un bicchiere di vino, accade che Matt e Joss si ritrovino a elaborare e a verificare una teoria: per far svanire l’amaro in bocca di una delusione amorosa è necessario passare la notte in compagnia di un buon amico. Uno che non chieda niente al risveglio, uno che sia disposto ad essere semplicemente un sorbetto per rinfrescare il palato tra una relazione e un’altra. Ed è così che Matt e Joss decidono di diventare amanti di notte e amici di giorno. Tutte le volte che vogliono, tutte le volte che ne hanno bisogno. Stringono un patto, un vero e proprio contratto a cui attenersi scrupolosamente per gestire il proprio rapporto. La teoria del “sorbetto” sembra funzionare alla perfezione per molti anni. Finché uno dei due non infrange la regola più importante di tutte: non innamorarsi.

Titolo: Cielo di polvere
Autore: Tom Cooper
Pagine: 352
Prezzo: 16,90€
Data di uscita: 9 giugno

Per gli abitanti di Jeannette, sgangherato paesino affondato nelle paludi della Louisiana, il futuro è una battaglia persa in partenza. Quel poco che l’uragano Katrina ha risparmiato, infatti, è ora minacciato dalle conseguenze del disastro petrolifero più devastante di sempre, e la lotta della piccola, ostinata comunità locale per tirare avanti si fa ogni giorno più dura.
Ma in un mondo in cui ognuno fa quel che può, c’è chi è disposto a giocarsi il tutto per tutto: come i gemelli Toup, ambiziosi e spietati imprenditori della droga, pronti a sfidare qualunque legge pur di affermare i propri interessi; o come Gus Lindquist, anziano pescatore di gamberi che armato di metal detector setaccia le paludi del bayou a caccia di fantomatici tesori, e intanto ingolla antidolorifici come se fossero caramelle. O, ancora, come il giovane Wes, che per provare a salvarsi dovrà voltare le spalle al padre e alla colpa ineffabile che questi si porta addosso. Un pugno di personaggi stravaganti e memorabili si agita, si insegue e si caccia in guai sempre più seri nelle pagine di questo romanzo convulso e commovente, esilarante e feroce.
Perché, alla fine, soltanto uno riemergerà vincitore (o quasi) dalle acque limacciose del bayou e della vita.

Il prossimo mese ritorna in libreria la McGarry con una ristampa di Oltre i limiti, libro che ho letto qualche anno fa e che ho adorato (recensione qui). Questa volta compreso nel primo volume ci sarà anche la novella Complice la notte dal punto di vista di un'amica di Echo. La De Agostini pubblicherà anche Un'estate contro (Breaking the rules), una sorta di secondo volume della storia di Echo e Noah. Se qualcuno ricorda (okay, non se lo ricorderà nessuno) qualche mese fa avevo segnalare tra le future uscite questo libro, ma io -come altre blogger- pensavamo si trattasse del libro dal punto di vista di Isaiah *me triste*. Ad ogni modo la McGarry mi piace tantissimo come scrittrice, spero che questo libro non sia una delusione! Altra uscita interessante è il libro della Cahill e il thriller di Tom Cooper.
Che ne dite? Quale vi interessa di più?

25 maggio 2015

Quinta tappa blogtour Caprice e il cavaliere: Una strega normanna

Buon pomeriggio lettori c:
Oggi il blog ospiterà la quinta e ultima tappa del blogtour di Caprice e il cavaliere, racconto urban fantasy scritto dall'autore italiano Alberto Camerra. Buona lettura!

Presente da sempre nella cultura dei popoli, la strega è una figura malvagia per antonomasia. Le sue tracce sono presenti nella Bibbia, con la Strega di Endor, ma anche nell’antica Grecia, con le streghe della Tessaglia. Il folclore popolare le dipinge come delle caricature femminili dedite al culto del Male. Nel Medioevo ebbe origine la caccia alle streghe, che colpiva le donne sospettate di praticare sortilegi e malefici ai danni della comunità: una persecuzione, spesso culminata nel rogo di molte sventurate. Soltanto dall’Ottocento in poi comincia una sorta di rivalutazione della strega, da parte di alcuni storici francesi, che la considerano un residuo di antiche pratiche pagane. Nel Novecento è accostata alla figura dello sciamano delle culture primitive, associata al neopaganesimo e alla wicca. Secondo la tradizione, ogni strega sarebbe accompagnata da un animale con caratteristiche diaboliche: un gatto, un gufo, un corvo, una civetta, un rospo. A rivalutarne la reputazione ci pensa la letteratura moderna, grazie a Terry Pratchett, che le considera delle donne al servizio dei deboli e bisognosi. Ambigue le vede Terry Brooks, con la sua Strega di Ilse. Figure femminili dotate del dono della magia, senza malvagità innata, lo sono per la J. K. Rowling. La tendenza, rispetto al passato, è quella di vedere la strega come una donna capace di libero arbitrio: non è più la magia a corrompere chi la padroneggia, ma è probabile il contrario. Una donna con l’indole malvagia sarà destinata a una magia di tipo oscuro e negativo, compirà delle azioni finalizzate a un beneficio personale, egoistico, a scapito degli altri. Chi avrà a cuore la sorte del prossimo, tenderà invece a utilizzare le proprie conoscenze a favore di un beneficio collettivo, destinando le pratiche magiche verso questo obiettivo. Caprice non ha una visione chiara del mondo che la circonda: consigliata dalla madre a tenere nascoste delle capacità innate, si trova in palese difficoltà quando queste ultime minacciano di travolgerla. Troppo giovane per distinguere la netta separazione tra naturale e sovrannaturale, la strega normanna coglie importanti avvertimenti come fossero un gioco più bizzarro e macabro del solito. Caprice e il cavaliere cala le arti magiche nello spazio aperto degli oceani, di fronte a un orizzonte smisurato e solcato da gigantesche maree improvvise, incessante flusso di energia impetuosa. La Strega decide quando iniziare a cavalcare le onde: durante la burrasca, con un cielo nero e minaccioso, o durante una giornata serena, con il mare agitato da una placida corrente governabile. La scelta è una questione di carattere e determina le conseguenze. Non ci sono positivi o negativi, c’è la natura umana: il coraggio di affrontare una laboriosa costruzione oppure una facile ma rovinosa distruzione.

Caprice e il cavaliere di Alberto Camerra
eBook | Narcissus
ISBN: 9786050366655 | Prezzo € 1,49


ALBERTO CAMERRA nasce a Limbiate (MI). Ha scritto racconti e pubblicato su due antologie. Menzione d’Onore letteraria a Valeggio Sul Mincio. Prima di Caprice e il cavaliere, sono stati pubblicati in libreria e online: Luna senza Inverno, Esdy, Al & Bo – la costola di Adama e Fiori nella Neve. 

***Premio fedeltà per i partecipanti al BlogTour Caprice e il cavaliere***
Commenta questa tappa e le altre quattro, quindi scrivi una email all’autore QUI con oggetto “Commentatore Top”: riceverai in omaggio il PDF anteprima dell’eBook e un wallpaper personalizzato per il tuo desktop!



Se vi siete persi qualche tappa qui sotto trovate i link c:

Cosa ne pensate? Vi incuriosiscono le streghe? A me tantissimo, soprattutto dal punto di vista storico!

23 maggio 2015

Eng Reading Experiences #1 Heir of fire

Buon sera lettori c: qualche giorno fa ho terminato Heir of fire. Ero indecisa se scrivere una recensione parlando della mia esperienza in lingua, se scrivere una recensione spoilerosa oppure scrivere la recensione una volta letto il libro in italiano (sempre se ne avremo la possibilità). Alla fine mi avete convinto e ho deciso di parlarvi della mia esperienza. Ho deciso di trasformarla in una rubrica nella quale mi concentrerò di più sulle difficoltà avute durante la lettura e magari condividerò con voi qualche consiglio su ciò che mi è stato d'aiuto per affrontarla. Perciò non ci saranno né spoiler né fangirlamenti (okay, solo su Chaol perché..perché sì u.u) e chiunque abbia voglia di intraprendere la lettura in lingua di questo libro o di questa serie può tranquillamente leggere questo post e farsi un'idea di cosa lo aspetti..

Non so quanti di voi siano a conoscenza del fatto che frequento un liceo linguistico. Se state pensando che io sia un asso nelle lingue, vi sbagliate di grosso. Forse in spagnolo, in inglese me la cavo abbastanza, in francese invece sono proprio un caso perso (non potete immaginare la quantità di vocaboli che invento durante i compiti scritti). Ad ogni modo non mi sono mai sentita all'altezza di iniziare libri in inglese perché avevo paura di (a) non comprendere tutta la storia, (b) non capire ogni dannato dettaglio, (c) incazzarmi durante la lettura perché non capivo un cavoletto. Però io sono una grande fan della Maas e di Celaena (e di CHAOL!) e dunque non potevo aspettare la pubblicazione italiana (sempre se ci sarà mai una pubblicazione italiana ._.).
Heir of fire inizialmente è stato un incubo. Quando ho aperto la prima pagina stavo per piangere. Di una pagina quasi non riuscivo manco a distinguere gli articoli. Più volte ho pensato di lasciar perdere la lettura, ma solo pensare una cosa del genere mi sapeva di tradimento verso la Maas (e verso il mio adorato Chaol). E quindi ho continuato per circa una cinquantina di pagine, delle quali ho capito pressapoco il senso generale. Dopo però, tra vari impegni, scuola e, sì, il fatto che il libro è così grosso che a momenti nemmeno entrava nel mio zaino (e quindi non potevo portarlo a scuola), ho dovuto metterlo da parte. Ho ripreso il libro dopo quattro mesi circa, quando ho visto che Nymeria lo stava leggendo anche. Ho pensato che se lo avessi letto insieme a qualcun altro la lettura sarebbe stata meno difficile d'affrontare. E infatti non avevo per niente torto. Be', Nymeria dopo due giorni aveva già finito il libro (grazie per avermi aspettato ._.) e io avevo letto si e no tre righe, ma più leggevo e mi confrontavo con lei, più la lettura diventava più fluida e comprensibile. Dopo circa cento pagine, ho toccato raramente il dizionario (vabbé quello anche perché mi scocciava lol) eccetto per alcuni capitoli più complessi. Infatti lo stile della Maas aumenta di livello in base al punto di vista della storia. In questo volume possiamo dividerlo in tre livelli. I capitoli narrati da Chaol-mi-amor, Dorian e Aedion (un nuovo figone) sono quelli più semplici che ho letto senza la minima difficoltà; quelli di Celaena invece sono un pochino più complicati; infine quelli di Manon, un nuovo personaggio introdotto in questo libro, sono stati i più difficili. Giuro che ogni volta che voltavo pagina e mi ritrovavo un suo capitolo, mi veniva da piangere e strappare le pagine. Più di una volta ho pensato di andare avanti e non leggerle lol. Il fatto di comprendere a malapena il significato generale ha influito tantissimo sulla lettura. Infatti per quanto Manon sembrasse un personaggio interessante, nelle sue scene mi sono un po' annoiata :c. Ha influito tantissimo anche il fatto che rispetto ai libri precedenti, inizialmente è un po' statico e succede pochissimo. Perciò, prendete una principiante in inglese che capisce sì e no due parole su quattro e aggiungeteci anche scene lente. Risultato
Okay, non ho lanciato il libro dalla finestra, non lo farei mai, però prima di recensirlo vorrei leggerlo in italiano, per capire meglio ciò che ho provato durante la lettura. Una cosa è certa: ho sofferto, SOFFERTO TANTO per la mia otp (a proposito, ditemi che siete TEAM CHAOL. HO BISOGNO DI SENTIRLO LEGGERLO. Tutte le fangirl non appartenenti al team saranno severamente punite).
Ed ora, ecco i consigli:

  • se volete iniziare a leggere in lingua, non iniziate dalla Maas;
  • avete mai pensato ai post it, quelli che si mettono per segnare le pagine (oddio mi pare che si chiamano così o_o) ? Io li ho utilizzati come promemoria per le parole che veniva ripetute spesso nella storia;
  • leggete e confrontatevi con qualcuno, vi motiverà per andare avanti;
  • cercate di capire il senso generale e se non lo capite, andate avanti XD
Per quanto riguarda il libro, mi è piaciuto. Forse ne parlerò meglio in una recensione più avanti!
Ora vado a rileggermi tutta la serie per annegare nei miei feelings nell'attesa del quarto volume.
Buona serata!

20 maggio 2015

Italian Corner #3

Buon pomeriggio lettori. Spero possiate perdonare la mia assenza, ma come ben sapete sono impegnatissima con lo studio. Spero possano perdonarmi anche tutti gli autori e i lettori che mi hanno inviato un email e ai quali non ho ancora risposto. Giuro che quando tutto questo sarà finito sarò più presente.
Oggi dedico questo piccolo -ma spero utile- spazio ad un autore italiano, Alessio Del Debbio. Spero davvero che possa suscitare la vostra curiosità!
Rubrica dedicata agli autori italiani. Info qui x

CONOSCIAMO L'AUTORE!
Ciao a tutti, mi chiamo Alessio e adoro i libri, sia leggerli che scriverli. Per me ogni libro è un viaggio verso un mondo fantastico, che ha tantissimo da offrire e che, da lettore avido e curioso, cerco sempre di indagare fino in fondo. Mi piace molto scrivere storie, soprattutto fantastiche e per ragazzi. Ho vinto qualche concorso, pubblicato una decina di racconti in antologie e un romanzo per adolescenti, a cui presto seguirà il suo "prequel".


IL SUO LIBRO: OLTRE LE NUVOLE - STORIE DI AMICI

INCIPIT
Jonathan era appena sceso dall’aereo che subito riconobbe il profumo del mare. Lo sentì, più intenso di un raggio di sole, e gli ricordò che era tornato, che era di nuovo a casa. A mezz’ora d’auto da Viareggio. Dalla sua città. E dalla sua vita.

Molte domande affollavano la sua mente, troppe per essere appena rientrato dopo due settimane di vacanza nella capitale tedesca. Due settimane di divertimento, ospite di un amico di famiglia, ma anche di fuga. Specialità nella quale non aveva rivali. Sorrise, pensando agli amici che l’indomani avrebbe rivisto. E ai suoi genitori che, sebbene lo trascurassero spesso a causa del lavoro, gli avevano ceduto i biglietti per Berlino che non avrebbero potuto utilizzare. Due biglietti! Precisò, ritirando il bagaglio e incamminandosi verso l’uscita del Galilei International Airport. Eppure ne ho usato soltanto uno!
Non gli mancavano certo persone da portare con sé, ma non aveva invitato nessuno, e non si dispiaceva di averlo fatto. Perché di tutte le domande che gli invadevano la mente in quel momento quella era l’unica a cui era sicuro di poter rispondere con certezza. Di aver sentito la necessità di andarsene per un po’. E non era stato solo l’irrequieto bisogno di un diciottenne di godersi la vita, a spese dei suoi, o di passare un ultimo dell’anno da sballo, ma di seguire l’istinto e fare quello che sentiva, per se stesso prima di tutto. Per la sua crescita.
DI COSA PARLA OLTRE LE NUVOLE - STORIE DI AMICI?
"Oltre le nuvole - storie di amici" è essenzialmente un romanzo sull'amicizia, un valore troppo spesso dato per scontato, soprattutto in giovane età quando tutto ci sembra dovuto. Un valore che va coltivato, per la sua importanza, per la sua solidità e soprattutto per la sua adattabilità, in quanto è un sentimento che cambia, matura e si evolce con la crescita delle persone. "Oltre le nuvole" ce ne vuole ricordare la bellezza, anche quando sembra che non esista più.

PERCHE' LEGGERE IL TUO LIBRO?
Se sono adulti, per tornare giovani, per ritrovare aromi di un tempo perduto, nascosto dietro i continui affaccendamenti della vita presente. Se invece sono ragazzi, per rendersi conto di non essere soli, che le storie che stanno vivendo non sono loro soltanto ma appartengono a tutti quelli che ci sono passati, che hanno amato, riso e sofferto come loro negli anni dell'adolescenza.

A CHI LO CONSIGLI?
Ai sognatori, a chi crede, a chi non si arrende e continua a lottare, certo che oltre le nuvole esista sempre il sole. A chi non si accontenta di un banale presente e vuole credere che nella vita c'è, e deve esserci, altro. Agli amici che mi stanno accanto e che condividono il viaggio con me.

Per tutti questi anni siamo stati amici, ma mai come adesso. Diversi come caratteri, uguali come ideali. Rifletté Frà, aggiungendo un’altra pagina di vita al suo diario. Le esperienze vissute insieme, le volte in cui siamo corsi uno in aiuto dell’altro sono solo momenti di un tempo che passa in fretta, momenti che scaldano i nostri cuori in un mondo che si raggela sempre di più. Quando la nostra esistenza sarà giunta al termine, questo è ciò che ci resterà: nient’altro che frammenti di ricordi nella memoria di una vita intera. Una vita vissuta combattendo, una vita vissuta credendo. Abbiamo creduto che fosse possibile vivere un sogno. Abbiamo creduto in quello che abbiamo fatto. Abbiamo creduto uno nell’altro. E continueremo a farlo, per tutta la vita che ancora verrà. Per sempre.
CONTATTI

17 maggio 2015

Blogtour Gala Cox di Raffaella Fenoglio: focus on Rosmary Altea

Buona domenica divoratori c: dopo una settimana abbastanza afosa, finalmente un po' di pioggia *_* in realtà non è un "po'" perché è da ieri che diluvia..
Ad ogni modo non siamo qui a parlare del tempo, ma di libri! Sono felicissima di ospitare l'ultima tappa del blogtour dedicato al libro Gala Cox! Al momento lo sto leggendo (sono lenta come una lumaca) perciò presto arriverà anche la mia recensione!

FOCUS ON ROSMARY ALTEA
Nel libro la mamma di Gala è una medium perciò in questa tappa ci focalizzeremo su una famosissima medium che oggi vive in negli Stati Uniti e si dedica alla sua attività: Rosmary Altea
Sin dall'infanzia Rosmary Altea afferma di essere in contatto con degli spiriti, infatti da bambina udiva delle strane voci e vedeva dei volti. Più di una volta ha rischiato di essere rinchiusa in un ospedale psichiatrico, come sua nonna, anch'essa in balia a strani fenomeni. Ad evitare tutto ciò è stato l'incontro con un guaritore spirituale. E di guaritori spirituali Altea ne incontra parecchi. Successivamente infatti ne incontra un altro che l'aiuta a sviluppare le sue doti di veggente e in seguito si manifesta il suo spirito guida, uno sciamano nativo americano dal nome di Aquila Grigia. E' proprio da questo incontro che cambia il nome in Rosmary Altea e inizia a lavorare come medium mettendosi a contatto con i defunti grazie ad Aquila Grigia. Nel 1986 ha fondato un centro chiamato Rosemary Altea Association of Healers (RAAH).
Spinta dalla sua guida spirituale ha scritto Una lunga scala fino al cielo, la sua biografia, e vari libri che trattano di metodi ed esercizi per una guarigione spirituale. Rosmary Altea è stata anche ospite in vari programmi (anche in Italia) e più di una volta si è ritrovata a fronteggiare i meno creduloni. Infatti la CICAP, il comitato italiano per il controllo delle affermazioni paranormali, afferma che le tecniche utilizzate da Rosmary Altea non abbiano nulla di paranormale ma si riducono a delle affermazioni vaghe. Alcuni dicono che raccolga informazioni prima di partecipare ai programmi e parlare con i parenti defunti degli spettatori. 

Spero che questa tappa vi sia piaciuta! Voi che ne pensate di Rosmary Altea? Credete alle medium o\e a coloro che hanno vissuto esperienze paranormali?

14 maggio 2015

Intervista e vincitore giveaway 2th blogversary

Buon pomeriggio divoratori. Il post di oggi sarà molto, molto lungo, perciò mettetevi comodi, prendete i pop corn e rilassatevi. S I  I N I Z I A !
Innanzitutto devo ringraziarvi uno ad uno per gli auguri e per le bellissime parole che mi avete scritto. Volevo rispondere a tutti i commenti -e avevo iniziato anche a farlo- ma più i giorni passavano più si moltiplicavano. Perciò vi ringrazio davvero di cuore. Divoratori di libri non sarebbe nulla senza di voi 
Un altro ringraziamento va a tutti voi lettori che avete partecipato con entusiasmo a questo giveaway-intervista un po' particolare. Non vi mentirò. Avevo paura che la mia idea non sarebbe piaciuta molto, invece ho visto tantissimo entusiasmo da parte vostra che mi ha reso felicissima. Le domande erano tantissime e probabilmente l'autrice ad un certo punta avrà pensato di mandarmi a quel paese, ma grazie al cielo non lo ha fatto!
A proposito, siete curiosi di sapere l'autrice misteriosa? Molti di voi hanno indovinato...
Ma sì, era proprio JENNIFER NIVER , un'amore di persona di una gentilezza e una disponibilità immaginabile. Devo anche ringraziare lei, perché se non avesse accettato questa iniziativa non sarebbe stata possibile. 
Mi scuso per il ritardo ma l'autrice in questo periodo è stata molto impegnata, ma vi giuro che ne è valsa la pena. Di seguito c'è l'intervista. Io mi sono divertita molto a leggere e tradurre le risposte della Niven. Ho messo sia quelle in inglese sia la mia traduzione (alla bell'e meglio). Buona lettura!!!


INTERVISTA A JENNIFER NIVEN

MARTAQual e' il libro che avresti voluto scrivere?
  • In Cold Blood or To Kill a Mockingbird. I love and admire them both so much!
  • In Cold Blood o Il buio oltre la siepe. Io amo e ammiro tantissimo entrambi i libri!


SELENY: 
Qual'è la tua fonte d'ispirazione "la tua musa" quando scrivi un libro?

  • Inspiration can come from anywhere, but I find the greatest inspiration from real life—the people and places around me.
  • L'ispirazione può venire da qualsiasi cosa, ma prendo più grande ispirazione dalla vita reale -persone e luoghi che mi circondano.

CAPRIOLE D'INCHIOSTRO: Se avessi la possibilità di far incontrare in una tua storia due personaggi provenienti da due libri che hai letto, chi sarebbero?

  • I would love to write a love story about Scout Finch and Holden Caulfield. 
  • Mi piacerebbe scrivere una storia d'amore su Scout Finch (Il buio oltre la siepe) e Holden Caulfield (Il giovane Holden).

EIKA STEFY: quale caratteristica del/della protagonista del tuo libro vorresti avere?

  • I’d love to be as bold as Finch. . 
  • Mi piacerebbe essere coraggioso\sfacciato quanto Finch.

GIULIA M: Quando e quale libro ti ha appassionato alla lettura?

  • I’ve loved reading since I was a little girl. The first books I remember reading were the Little Bear series. I also loved The Twelve Dancing Princesses. 
  • Mi è sempre piaciuto leggere sin da quando era piccola. I primi libri che ricordo di aver letto sono quelli della serie Little Bear. Ho anche amato Le dodici principesse danzanti.

FEDERICA FRANCESCA: Se fossi un personaggio di un libro, chi vorresti essere?

  • Alice from Wonderland or Phoebe Caulfield. They have the same feisty, determined spirit.  
  • Alice nel Paese delle Meraviglie o Phoebe Caulfield (Il giovane Holden). Entrambe hanno lo stesso spirito combattivo, determinato.

ILENIA T. D. LEMON: Immaginando di non aver scritto il libro, ma di essere effettivamente un personaggio di esso che vive in esso; ci sono dei personaggi che odieresti fino al midollo o tutti sarebbero degni di simpatiche attenzioni?

  •  If I were Violet, I would hate Roamer and Finch's dad, but I would love Brenda and Kate.
  • Se fossi Violet odierei Roamer e il padre di Finch, ma amerei Brenda e Kate.


IL BARATTOLO DI LATTA: da dove è nata l'idea di scrivere questo libro?
Quale personaggio del tuo libro ti assomiglia di più?

  • I am more like Violet, but the idea came from knowing and loving a real-life boy like Finch.
  • Sono più come Violet, ma l'idea mi è venuta dalla conoscenza e dall'amore per un ragazzo reale come Finch.

IKA: Di quale personaggio letterario o autore vorresti vivere la vita?

  • I would live the life of my character Velva Jean Hart, who I wrote about in four novels: Velva Jean Learns to Drive, Velva Jean Learns to Fly, Becoming Clementine, and American Blonde. She has all these amazing adventures—becoming a pilot and later a spy in World War II, and a movie star in 1940’s Hollywood. 
  • Mi piacerebbe vivere la vita del mio personaggio Velva Jean Hart, di cui ho scritto in quatto romanzi: Velva Jean Learns to Drive, Velva Jean Learns to Fly, Becoming Clementine, e American Blonde. Lei vive tutte queste fantastiche avventure -diventare un pilota, dopo una spia durante la seconda guerra mondiale, e un star di Hollywood nel 1940.

ROSA: Che tipo di lettrice sei? Quali sono i tuoi autori preferiti e qual è il genere che solitamente leggi?

  • I read as much as I can and sometimes more than one thing at a time. I love Flannery O’Connor, Harper Lee, Shirley Jackson, the Bronte sisters, and Nick Hornby, but I love reading YA most of all. 
  • Leggo quanto posso e a volte più di un libro alla volta. Amo Flannery O'Connor, Harper Lee, Shirley Jackson, le sorelle Bronte e Nick Hornby, ma più di tutto amo leggere YA.

HUTCHERS: c'è un momento dell giornata, o un luogo particolare, in cui quest'autrice preferisce scrivere?

  • I work every day almost all day in my sunny home office.
  • Scrivo tutti i giorni e quasi tutto il giorno nel mio allegro (?) ufficio.

CAMILLA BONAIUTI: di quale personaggio di un libro ti sei innamorata follemente? Finch. 

SABRINA GUARAGNO: qual è il peggior difetto che condividi con la/il protagonista?

  • Like Violet, I have a tendency to smile even when things in my life are sad or hard, and that makes it difficult to confide in people about how I'm feeling.
  • Come Violet ho la tendenza di sorridere anche se le cose nella mia vita sono tristi o difficili e questo rende difficile confidare alle persone come mi sento.


LAURA: A te piace tanto leggere?

  • Yes! I just wish I had more reading time.
  • Sì! Desidererei soltanto avere più tempo per leggere. 

TANIA PAXIA : prendi appunti prima di scrivere, oppure le idee ti vengono sul momento?

  • I do both. I always write down the important scenes, and I always know going into it what the overall arc of the story will be. I usually know my endings as well. But so much of the story I discover along the way.
  • Entrambe le cose. Appunto sempre le scene più importanti e, andando avanti, so sempre come sarà l'arco complessivo della storia. Di solito so pure i finali però gran parte della storia la scopro\invento durante la stesura.

CHIARA: Come ti poni nei confronti delle recensioni negative? Ti dispiace, te ne freghi o cerchi di capire le critiche per migliorarti?" Mi è venuta in mente questa domanda perchè praticamente mi è impossibile fare recensioni negative per le autrici italiane, la vivono molto male e ho pensato anche che se il tuo lavoro viene criticato tanto piacere non può fare. 

  • I make a point of not reading reviews. If someone tags me on twitter or one of my other social media sites and wants to share a good review with me, I read it. But I think it can be damaging to pay too much attention to what’s out there, good or bad.
  • Faccio il punto delle recensioni. Se qualcuno mi tagga su twitter o in uno dei miei social e vuole condividere una bella recensione con me, io la leggo. Ma penso che possa essere dannoso prestare troppo attenzione a cosa c'è fuori da lì, buono o cattivo.

CHIARA MES: C'è un personaggio che hai fatto fatica a gestire e con cui hai un rapporto di amore/odio?

  • I have a love-hate relationship with Amanda. On the one hand, I understand that she has her own issues which make her act the way she does, and I feel a lot of sympathy for her because when it comes down to it she's very scared and alone. But on the other hand, I don't think there's any justification for acting mean or unkind to others.
  • Ho una relazione di amore-odio con Amanda. Da un lato capisco che lei abbia i suoi problemi che la spingono a reagire in quel modo, e provo molto simpatia vero di lei perché quando si ritrova ad affrontarli è molto spaventata e sola. Ma dall'altro lato non penso che ci sia giustificazione per il suo comportamento scortese.


GIADA G: Se potessi associare una canzone al tuo libro, quale sarebbe e perché?

  • There's a song called "Sometime Around Midnight" by the Airborne Toxic Event which brings Finch and Violet alive to me. When I listen to it, I can picture them so clearly-- Finch running and running to see her, Violet asleep when the rocks hit her window, all their happy times and sad ones, and Finch unraveling more and more in his mind.
  • C'è una canzone chiamata "Sometime Around Midnight" degli Airborne Toxic Event che per me porta in vita Finch e Violet. Quando l'ascolto posso immaginarli così chiaramente -Finch che corre per vederla, Violet addormentata quando le pietre colpiscono la sua finestra, tutti i loro momenti felici e tristi, Finch che scopre\rivela sempre di più nella sua mente (?).

FIORE DI COLLINA: per i personaggi o certe situazione si ispira anche a situazioni vissute?
  • All the time.
  • Sempre.

VIOLET: quando hai cominciato ad avvicinarti al mondo della scrittura? 

  • When I was seven or eight years old!
  • Quando avevo sette o otto anni!
VALENTINA PANZETTA: Ti piacerebbe farne un film del tuo libro/tuoi libri?

  • Yes, and in fact it’s going to be made into a movie! Elle Fanning is playing Violet!
  • Si e infatti diventerà un film! Elle Fanning interpreterà Violet!
ARIANNA GALLO: Qual'è il/la tuo/a Scrittrice/Scrittore Preferito/a ?

  • My mom, Penelope Niven.
  • Mia madre, Penelope Niven.
CLAIRE: Che cosa faresti se la tua libreria andasse a fuoco e tutti i tuoi libri venissero bruciati? Piangeresti disperatamente? O avresti qualche fortunato "superstite" sull'ebook?

  • I would write new ones!
  • Ne scriverei di nuovi!

SHANE: C'è un libro in particolare che porteresti sempre nel tuo cuore, eventualmente qual'è? 

  • Little Women or The Little Prince. I love them both.
  • Piccole donne o Il piccolo principe. Li amo entrambi.

ROBY AZZURRA: Quando hai deciso di voler diventare una scrittrice? E perchè? 

  • I decided when I was a little girl because I loved putting words together to create new worlds. I thought it was a lot like being a superhero.
  • L'ho deciso quando ero una bambina perché amavo mettere insieme parole per creare nuovi mondi. Pensavo che fosse tanto simile a diventare un supereroe. 

E questa era l'ultima. Ancora una volta devo farvi i complimenti perché avete scelto tutti delle domande differenti e particolari! Adesso però vediamo il vincitore del giveaway...

THE WINNER IS


IL BARATTOLO DI LATTA!
Complimenti a Il barattolo di latta che vince una copia di All the bright places-Raccontami di un giorno perfetto! Se non risponderà alla mia email entro un paio di giorni provvederò con la scelta di un altro vincitore.
E ancora una volta grazie a tutti voi. Spero di riuscire ad organizzare qualcos'altro del genere al più presto! c:

10 maggio 2015

Tenebre e ghiaccio, Leigh Bardugo

Buona domenica lettori :D già, sono ancora viva! Come sapete, gli esami si avvicinano e ho studiato quasi tutta la settimana. Ho avuto anche dei giorni "liberi" nei quali avrei potuto scrivere qualcosa..ma ero talmente stressata che non mi veniva nulla di originale ç_ç 
Prima di passare alla recensione del libro, ci tenevo a dirvi che l'autrice ha mandato le risposte però ci sono ancora due-tre domande alle quali deve rispondere, perciò appena avrò tutto pronto pubblicherò il post anche con il nome del vincitore! Abbiate solo un pochino di pazienza :)

Titolo: Tenebre e Ghiaccio (Shadow and Bones)
Serie: The Grisha #1
Autore: Leigh Bardugo
Pagine: 383
Edizione italiana: 2013
Editore: Piemme
compralo su amazon
Circondata da nemici, quella che un tempo era la potente nazione di Ravka è ora un regno diviso dai conflitti e letteralmente tagliato in due dalla Distesa, un deserto di impenetrabile oscurità, brulicante di mostri feroci e affamati. Alina Starkov è sempre stata una buona a nulla, un'orfana il cui unico conforto è l'amicizia dell'amico Malyen, detto Mal. Eppure, quando il loro reggimento viene attaccato dai mostri e lui resta ferito, in Alina si risveglia un potere enorme, l'unico in grado di sconfiggere il grande buio e riportare al paese pace e prosperità. Immediatamente viene arruolata dai Grisha, l'élite di maghi che, di fatto, manovra l'intera corte, capeggiata dall'affascinante mago Oscuro. Ma al sontuoso palazzo, dove gli intrighi e il lusso dei balli è tale da stordire e confondere, niente è ciò che sembra, e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le tenebre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.
Più di una volta ho citato questo libro nei miei post, eppure non ho mai trovato tempo per scrivere un commento per come si deve. Perciò in questa domenica pallosa e che dovrei passare a studiare (lol), vi parlo di questo libro fantastico❤. Ammetto che l'inizio non è stato dei migliori, non perché non mi piacesse, ma per il fatto che era tutto così confuso. Ho avuto problemi soprattutto con alcuni termini di origine russa (credo). Non riuscivo a capire come fosse diviso geograficamente il mondo dei Grisha e come fosse organizzata questa "élite di maghi" poiché vi erano vari termini per indicare diversi ruoli. Ad ogni modo andando avanti con la lettura sono riuscita ad abituarmi al mondo creato della Bardugo e ne sono rimasta affascinata. Ho adorato il mondo dei Grisha, maghi divisi in base alle loro abilità, così oscuro e affascinante allo stesso tempo. Mi è piaciuta Alina, la nostra protagonista che scopre di avere un grande potere. Questo personaggio cresce tantissimo durante la storia. All'inizio è il tipico personaggio che scopre di avere un potere ma che ne è spaventata; successivamente invece impara a gestirlo e diventa sempre più coraggiosa. Un personaggio che invece mi ha lasciata indifferente è Mal. Il suo rapporto con Alina è sicuramente bello, ma è il tipico personaggio che si accorge di desiderare una persona soltanto quando l'ha persa. Non so ancora cosa pensare di lui. Mentre so esattamente cosa pensare de L'Oscuro. Non esiste nome più azzeccato di questo. E' un personaggio che sin dall'inizio ti confonde, che non sai se faccia parte dei buoni o dei cattivi. Uno di quello che fa cose brutte ma sei talmente affascinata che potresti perdonargli le peggiori azioni. L'Oscuro è esattamente questo personaggio. Più volte durante la lettura mi sono chiesta chi fosse veramente, senza trovare veramente risposta. Peccato che ci siano poche descrizione fisiche e immaginare i personaggi è stato un po' difficile :\. 
Il finale è davvero molto bello e spero davvero che la Piemme si decida a portare i seguiti perché io non vedo l'ora di sapere come continua!

THE GRISHA
#0.5 The witch of Duva
#1 TENEBRE E GHIACCIO
#1.5 The Tailor
#2 Siege and Storm
#2.5 The Too-Clever fox
#2.6 Little Knife
#3 Ruin and Rising

Ecco, adesso ho voglia di leggere il seguito e_e
Ditemi se questo libro vi incuriosisce e se avete intenzione di leggerlo o se lo avete già fatto..fatemi sapere!

3 maggio 2015

Recensione Forse un giorno, Colleen Hoover

BUONA DOMENICA A TUTTI!
Oggi finalmente trovo un po' di tempo per scrivere la recensione di Forse un giorno di Colleen Hoover. Come sempre la recensione è priva di spoiler c: buona lettura!

Titolo: Forse un giorno (Maybe Someday)
Serie: Maybe #1
Autore: Colleen Hoover
Pagine: 327
Edizione italiana: 2015
Editore: Leggereditore
*Bookish Playlist*
Sydney Blake, un’aspirante musicista di vent’anni, ha una vita invidiabile: frequenta il college, ha un buon lavoro, è innamorata del suo meraviglioso ragazzo Hunter e convive con la sua migliore amica Tori. Ma tutto cambia quando scopre che Hunter la tradisce con Tori. Ora Sydney deve decidere che ne sarà della sua vita.
È attratta da Ridge Lawson, il suo misterioso vicino. Non può staccargli gli occhi di dosso e non può fare a meno di starsene ad ascoltarlo mentre suona la chitarra sul balcone della sua stanza. La sua musica le dà armonia e vibrazioni. E anche Ridge non può far finta di ignorare che c’è qualcosa in Sydney: a quanto pare, ha trovato la sua musa. Quando, finalmente, si incontrano, scoprono di avere bisogno l’uno dell’altra...

Dall’autrice bestseller del New York Times Colleen Hoover, un’appassionata storia di amicizia, tradimento e romanticismo, sulle note di una musica che ispira una giovane donna e la aiuta a raccogliere i pezzi della propria vita.
Quando ho iniziato Forse un giorno da un lato ero timorosa di inciampare in una delusione (con i romance la delusione è sempre dietro l'angolo) dall'altro però ero curiosissima di leggere questa storia di cui parlano tutti ultimamente. A lettura terminata posso tranquillamente dire che il libro mi è piaciuto, anche se per me il miglior libro della Hoover è e sarà sempre Tutto ciò che sappiamo dell'amore (se non avete mai letto nulla, iniziate da quello).
La storia è nel tipico stile della Hoover: normali adolescenti che vanno all'università  (ma quando?), che lavorano (seriously?), il tutto condito da situazioni drammatiche (tipico segno della Hoover) e dalle musica. La musica per me è un elemento innovativo poiché è la prima volta che leggo un romanzo del genere e devo ammettere che è la parte che più ho adorato. Le canzoni scritte da Griffin Peterson, appositamente per la storia, si adattano perfettamente ad ogni scena. Molto carine, nonostante non siano il mio genere. La Hoover ha giocato bene questo tasto perché ha davvero scritto di musica. Mi spiego meglio. L'autrice non ha soltanto scritto il testo delle canzoni, ma ci fa vivere la musica attraverso le parole, attraverso i personaggi e i loro sentimenti. Infatti Ridge (omg, ma che nome è? Ma io scapperei di fronte ad uno che si chiama così!) è sordo -altro elemento che caratterizza questa storia-, ed ha un modo tutto suo di sentire vivere la musica. Come personaggio R. (scusate, non riesco a scrivere il nome) mi è piaciuto (se non fosse per il nome mi sarebbe piaciuto di più sicuramente) ma non è riuscito a conquistarmi del tutto, come del resto tutti gli altri personaggi, eccetto Warren (mi amor). Due personaggi che proprio non mi sono andati giù sono Maggie, fidanzata di R., e Bridgette. Sono due stereotipi, la prima della ragazza buona e perfetta (#nazismo) e la seconda della stupida stronzetta di turno. Se vi state chiedendo se per caso c'è un triangolo amoroso la mia risposta è sì. O almeno qualcosa del genere. La soluzione che trova l'autrice è piuttosto scontata ma fortunatamente non è alla The Infernal Devices, altrimenti la fine che io avrei fatto fare al libro era anche..scontata (Il lato positivo..Pat, libro, finestra..vi dice qualcosa?). Mentre per quanto riguarda Warren io l'ho adorato, il miglior personaggio di tutta la storia. Mi ha fatta morire con i suoi scherzi e le sue battute sconce! Gli ultimi capitoli della storia sono stati un po' sottotono rispetto al resto della storia. Tutte quelle lacrime ad un certo punto al posto di commuovermi mi hanno scocciata. Ad ogni modo dopo il lieto fine, posso benissimo perdonare la Hoover.
Molto bello
MAYBE
#1 Forse un giorno
#1.5 Maybe not (novella dal punto di vista di Warren)

Cosa ne pensate di questo libro? Vi incuriosisce? Io lo consiglio soprattutto a coloro che amano leggere ascoltando la musica ^^